Telecamera in camera da letto per spiare la moglie, condannnato

Un 45enne di San Pietro di Feletto è stato condannato in primo grado a 8 mesi di reclusione e 11mila euro di risarcimento per interferenza illecita nella vita privata altrui

Condannato in primo grado a 8 mesi di reclusione e 11 mila euro di risarcimento per interferenza illecita nella vita privata altrui. E' finito così il processo a L.G., 45enne di San Pietro di Feletto, accusato di aver spiato la moglie, da cui si stava separando, per rivelare i presunti tradimenti della donna. Per far scoprire le scappatelle l'uomo avrebbe installato rilevatore gps nell'auto e telecamere disseminate in quasi tutte le stanze della casa, compresa la camera da letto.

La vicenda risale al 2013 quando la coppia salta per aria e i due stanno per separarsi ma lui non lo vuole accettare soprattutto perché era convinto che all’origine dei problemi della coppia ci fosse un altro uomo. Assolda allora un investigatore privato, ex carabiniere di Motta di Livenza, incaricandolo di controllare i movimenti della moglie e scoprire se in effetti avesse una nuova fiamma. Ma la donna scopre quasi casualmente il gps nell'auto e fa denuncia. Le indagini dei carabinieri portano ad individuare prima l'investigatore e poi il 45enne, che viene indagato per interferenza illecita nella vita privata altrui.  Quando poi la polizia giudiziaria in forza alla Procura è andata a casa coniugale (in cui era rimasta a vivere solo la moglie) per un sopralluogo ha scoperto alcune microtelecamere nascoste in cucina, in camera da letto, nel corridoio, nel soggiorno e all’esterno. Vere e proprie  foto-trappole. Tutto era collegato alla rete internet attraverso un router che avrebbe permesso al 45enne di verificare chi passava del tempo con la signora semplicemente stando davanti al computer. La donna, inconsapevolmente, aveva scoperto uno dei collegamenti nella stanza da letto strappando i fili perché sentiva un fastidioso ronzio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Schianto contro un'auto mentre torna da lavoro, muore operaio 49enne

  • Travolto e ucciso da un treno, la morte di Marco Cestaro fu un suicidio

  • Diabete e festività: come scegliere i cibi senza rinunce

Torna su
TrevisoToday è in caricamento