Azienda di raccolta dei rifiuti ferrosi nei guai: denunciato il titolare

Operazione dei carabinieri del nucleo operativo ecologico. La ditta accettava numerosi conferimento fuori norma anche dai privati. La titolare di un'azienda agricola sorpresa a scaricare una tonnellata di metalli: scatta la multa di 6500 euro

MASER Un imprenditore 53enne di Maser, titolare di un'azienda impegnata nella gestione di materiale metallico e ferroso è stato denunciato dai carabinieri del nucleo operativo ecologico di Treviso per gestione illecita di rifiuti. Durante un controllo svolto dai militari all'interno dell'attività è emerso che venivano ricevuti, in modo illecito, ingenti quantitativi da privati cittadini. La ditta, in base alla licenza concessa dalla provincia, avrebbe dovuto occuparsi principalmente di ricevere materiale da smaltire dalle aziende. I conferimenti, emerge dalle indagini, non erano riconducibili ad una normale produzione domestica. Nel corso del 2016 e in questi primi mesi del 2017 sono state 130 le tonnellate raccolte, in chiara violazione all'autorizzazione in possesso all'azienda che avrebbe percepito in questo modo, indebitamente, pagamenti per 25mila euro. Durante il controllo è stata multata una 41enne, proprietaria di un'azienda agricola: con un mezzo agricolo, non iscritto all'albo nazionale dei gestori ambientali, stata trasportando 10 quintali di materiale ferroso presso l'azienda. Sempre il nucleo Noe dei carabinieri hanno denunciato un 48enne, titolare di un'azienda di Carbonera specializzata nella decorazione di vetro e ceramica, per irregolarità nelle emissioni inquinanti in atmosfera. Nei confronti della ditta saranno imposte prescrizioni per la tutela dell'aria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Diabete e retinopatia, il prof. Bandello: "Siamo all'avanguardia, ma ancora pochi screening"

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

  • Attacco cardiaco porta via alla vita Maria Fernanda, giovane mamma 31enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento