Il mercato di Montebelluna è in crisi: gli ambulanti se ne vanno

Il mercato del mercoledì è in forti difficoltà a causa della crisi economica e del minor potere d'acquisto dei cittadini.Si cercano soluzioni diverse

Immagine campione

MONTEBELLUNA - Il mercato cittadino di Montebelluna è in piena difficoltà. La crisi economica che ormai ha portato al ristagno del potere di acquisto degli italiani negli ultimi anni ha ora colpito persino uno dei più conosciuti mercatini rionali locali.

Il mercato in crisi, dai risultati del "Gazzettino", sarebbe quello del mercoledì nel montebellunese, nel quale ormai molteplici venditori ambulanti stanno da settimane cercando di piazzare le loro licenze commerciali, non riuscendo più a far fronte agli ingenti costi richiesti dall'amministrazione locale a causa dei sempre minor acquisti dei cittadini della zona. A farne le spese sarebbero i circa 200 mercanti stabili, a cui devono aggiungersi coloro che partecipano solo nei mesi estivi.

Addirittura, a vendere le licenze non sarebbero solo gli italiani, ma anche commercianti cinesi e altri stranieri, il cui desiderio sarebbe ora quello di spostarsi verso altri lidi più proficui. Ecco che allora, per scongiurare un fuggi-fuggi generale da parte degli esercenti all'interno del mercato, il comando della polizia locale di Montebelluna sta cercando in questi giorni di riorganizzare le bancarelle nelle piazze del centro per una miglior fruibilità da parte della clientela. L'obiettivo è infatti quello di riportare la zona commerciale del centro ai fasti del passato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Suicidio sui binari a San Fior, Venezia-Udine bloccata per tre ore

Torna su
TrevisoToday è in caricamento