Migranti a Volpago, Laura Puppato: "La concentrazione in polveriera è colpa di Zaia"

La senatrice del Partito Democratico: "L’attuale situazione è causata dal governo regionale e da quei sindaci leghisti che hanno scelto di chiudere i propri comuni all’accoglienza diffusa"

VOLPAGO DEL MONTELLO “Inimmaginabile ovunque che un Presidente di Regione sia in manifestazione a Volpago, anziché al lavoro per risolvere il problema, come avrebbe dovuto fare ormai molto tempo fa. L’attuale situazione è causata dal governo regionale e da quei sindaci leghisti che hanno scelto di chiudere i propri comuni all’accoglienza diffusa, sistema che ha già dimostrato di funzionare bene”. Lo dice Laura Puppato, commentando l’annunciata partecipazione di Zaia alla manifestazione di Volpago del Montello.

“Al contrario del Presidente Zaia, molti cittadini comuni, associazioni, aziende hanno dato vita a occasioni di incontro e di integrazione, molto gli esempi positivi in questi giorni natalizi, ma più di tutto vale l’esempio di ben venti richiedenti asilo inseriti nel mondo del lavoro, uscendo così dal programma di assistenza per aver raggiunto l’autonomia economica - ha detto ancora la senatrice - progetti come questo sarebbero molto più agevoli se la regione non si fosse messa continuamente di traverso. Luca Zaia non può continuare a gridare: 'aiutiamoli a casa loro', quando il Governo, di cui ha fatto parte, ha azzerato i fondi per la cooperazione internazionale, c’è un limite sia al benaltrismo sia all'ipocrisia”.

“Mentre Zaia è occupato con le manifestazioni, il Ministro dell'Interno Minniti e ANCI hanno sottoscritto un accordo per cui ogni comune accetterà fino a 2,5 migranti ogni 1000 abitanti, governando il problema che è di tutti, di tutto il pianeta vorrei dire non solo europeo e italiano, come diciamo da tempo. Volpago oggi avrebbe potuto accoglierne meno di una ventina di richiedenti asilo, inserirli facendo loro svolgere lavori alla comunità ospitante. Credo sia giunto il momento di dire 'basta'! Basta a problemi che hanno cause motivate da irresponsabilità politiche regionali e locali, basta a speculazioni che vedono gli stessi attori principali manifestare contro la cattiva commedia... Basta perseguire la logica di Nimby per ritrovarsi con un onere ingigantito! Se non ci sarà modo di far tornare indietro la prefettura dalla obbligata scelta fatta, spero almeno che si approfitti dell’occasione per sistemare l’ex-polveriera predisponendola per gli scopi naturalistici e sociali cui si intende destinarla” ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

Torna su
TrevisoToday è in caricamento