Stanco del cane che abbaia, minaccia di uccidere lui e i padroni

Un operaio di 49 anni di Riese Pio X è stato denunciato dai carabinieri dopo una telefonata anonima con intenti intimidatori alla famiglia

RIESE PIO X - Era stanco del continuo rumore provocato dal cane della vicina di casa. Talmente infastidito da arrivare a minacciare di uccidere sia l'animale che i suoi proprietari. Le intimidazioni, però, fatte attraverso una telefonata anonima, hanno spinto le vittime a sporgere denuncia ai carabinieri che, dopo una serie di indagini, sono riusciti a rintracciare il responsabile. 

Si tratta di un operaio di 49 anni residente a Riese Pio X. Secondo le ricostruzioni dei militari dell'Arma l'uomo, giustificando di essere arrivato al limite della sopportazione del cane della vicina, una donna di 63 anni, avrebbe alzato il telefono e chiamato a casa sua, incontrando la voce del figlio nella telefonata. A quest'ultimo, di 35 anni, avrebbe riferito di non farcela più e lo avrebbe quindi intimorito. Il 35enne ha così allertato i carabinieri che, rintracciato l'autore della telefonata anonima, lo hanno denunciato per minacce. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

Torna su
TrevisoToday è in caricamento