Fa rapire e sequestra per 72 ore una prostituta: 26enne a processo

Incubo, nel 2009, per una prostituta di Mogliano Veneto. Rapita da due uomini, fu condotta a Bergamo, dove un 26enne la tenne segregata per tre giorni. L'aguzzino è ora a processo

Rapita da Mogliano Veneto e segregata per 72 ore in un appartamento a Bergamo: questa la denuncia di una prostituta di 18 anni di nazionalità romena. Il suo aguzzino sarebbe un 26enne di origini albanesi, arrestato e ora finito davanti al giudice.

I fatti risalgono all'agosto 2009. La ragazza si trovava lungo il Terraglio, quando le si sarebbe avvicinata un'auto con a bordo due uomini, per contrattare una prestazione. Dopo un primo rifiuto la 18enne sarebbe salita in auto e da quel momento iniziò il suo incubo.

I due l'avrebbero chiusa nell'abitacolo dirigendosi a tutta velocità verso l'autostrada. Dopo un paio di ore il loro viaggio sarebbe terminato a casa dell'imputato, mandante del rapimento, a Gorle (BG).

Qui la giovane sarebbe stata lasciata alla mercè del 26enne che per tre giorni le avrebbe impedito di uscire di casa. Una volta libera la 18enne si rivolse alle Forze dell'ordine, denunciando rapimento e sequestro di persona.

L'imputato tornerà davanti al giudice l'11 gennaio 2013.

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I segni evidenti di calo glicemico

  • Il piede diabetico: cure e trattamenti

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: fiere e mercatini accendono l'autunno

  • Malore dopo lo spinello: la causa della morte non è stato il trauma cranico

  • Frontale tra auto lungo la Postumia: 5 le persone ferite, una è grave all'ospedale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento