Sul Monte Grappa ecco l’esercitazione interprovinciale di antincendio boschivo

Vi hanno preso parte un’ottantina di volontari di protezione civile addestrati, oltre a funzionari e dipendenti della Regione Veneto, vigili del fuoco e personale del Suem

Un momento dell'esercitazione

BORSO DEL GRAPPA Ha partecipato anche l’assessore regionale alla Protezione Civile Gianpaolo Bottacin all’esercitazione interprovinciale di antincendio boschivo “Col di Serai 2017” tenutasi sul Monte Grappa. Vi hanno preso parte un’ottantina di volontari di protezione civile addestrati a intervenire in caso di incendi boschivi, oltre a funzionari e dipendenti della Regione Veneto, vigili del fuoco e personale del Suem.

“Ho avuto modo di apprezzare la preparazione del nostro sistema di antincendio boschivo”, ha sottolineato Bottacin. “Si tratta di una competenza che in Veneto è esercitata dalla Regione, grazie anche al fondamentale apporto dei volontari, in collaborazione con i vigili del fuoco e i carabinieri forestali. Un modello, il nostro, che ha raccolto anche l’apprezzamento del rappresentante del Dipartimento nazionale della protezione civile, il quale ha avuto modo di verificare sul campo il livello qualitativo che abbiamo raggiunto in questo ambito”.

“Ci auguriamo quindi – è stato l’auspicio dell’assessore - che l’ipotesi che circola ultimamente di accentrare questa competenza a livello nazionale venga da subito accantonata, vieppiù ora che il referendum ha sancito con tanta forza le materie su cui il Veneto chiede autonomia, tra le quali rientra a pieno titolo anche la protezione civile. Ciò consentirebbe di mantenere in capo alla Regione un’eccellenza costruita nel corso degli anni e che non ha eguali in Italia. Anche per questo voglio ringraziare in modo particolare tutti i volontari di protezione civile che sono attori protagonisti di questo sistema' che ci consente di distinguerci positivamente”.

Continua nel frattempo anche un’altra iniziativa di grande successo promossa dalla Regione a livello di Protezione Civile, il progetto “Scuola Sicura Veneto” che venerdì ha fatto tappa a Isola Rizza in provincia di Verona, coinvolgendo i ragazzi delle scuole elementari “Caterino Rizzi” e medie “G. Marconi”, a cui sono state illustrate le procedure da seguire in caso di sisma e di incendio effettuando poi simulazioni di allarme, avvio procedure, evacuazione e recupero dei feriti da parte dei soccorritori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Isola Rizza_Scuola Sicura_2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bar presi d'assalto, Zaia furioso: «Se continua così chiudo tutto»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

  • Guarisce dal Coronavirus e lancia un appello ai giovani: «Evitate la movida»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento