Bimba morta a Mogliano: nonni indagati per omicidio colposo

La Procura della Repubblica di Treviso ha aperto un fascicolo sulla morte di Vittoria Dammico, la bimba uccisa da un vaso di fiori. Sul registro degli indagati sono iscritti i nonni, per omicidio colposo

Il giorno dopo il dramma si aprono le indagini sulla morte di Vittoria Dammico, la bambina di due anni morta ieri sera a Mogliano Veneto, travolta da un portavasi in gesso.

La Procura della Repubblica di Treviso ha aperto un fascicolo d'indagine iscrivendovi il nome dei nonni, che in quelle ore avevano in custodia la piccola Vittoria, con l'accusa di omicidio colposo.

Un atto che non può essere evitato ai fini dell'accertamento giudiziario sulla dinamica dell'accaduto, sebbene si tratti di un episodio configurabile a tutti gli effetti accidentale e frutto di una tragica casualità.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, la piccola, salendo una rampa di scale sorvegliata dai nonni, avrebbe urtato o toccato improvvisamente la colonnina di gesso sulla quale era posato un vaso di fiori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il vaso, cadendo, l'avrebbe travolta procurandole ferite tanto gravi da provocarne la morte in poche ore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bar presi d'assalto, Zaia furioso: «Se continua così chiudo tutto»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Madre di un figlio di 11 anni muore dopo una lunga malattia

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento