Male incurabile, muore architetto 52enne

Viveva ad Albaredo di Vedelago ed era cognato del sindaco Cristina Andretta. Molto noto anche nel comune di Resana, dove lavorava come impiegato dell'ufficio tecnico del Comune da moltissimi anni

Foto tratta da "Gazzettino di Treviso"

VEDELAGO Si è spento ieri, 2 gennaio, Luigino Didonè, dopo una lunga battaglia contro la malattia. Viveva ad Albaredo di Vedelago ed era cognato del sindaco Cristina Andretta - come riporta il Gazzettino di Treviso. Molto noto anche nel comune di Resana, dove lavorava come impiegato dell'ufficio tecnico del Comune da moltissimi anni. Nel 2009 la scoperta della malattia che dopo tanti anni non gli ha lasciato scampo. Negli ultimi due mesi si trovava alla Casa dei Gelsi dell'Advar, a Treviso. L'ultimo saluto a Luigino DIdonè si celebrerà venerdì alle 15 nella chiesa di ALbaredo (domani il Rosario alle 20). Tutte le offerte saranno devolute, per volere di Luigino, all'associazione "Albaredo Insieme".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è la prima vittima a Treviso: è una donna di 75 anni

  • Lascia un biglietto d'addio poi si toglie la vita a soli 39 anni

  • Malore fatale al lavoro: padre di due bambini muore a 31 anni

  • Trovata morta nella culla a soli 5 mesi: addio alla piccola Azzurra

  • Operaio con febbre alta: «Ero a Vo'». Dipendenti tutti a casa alla "Breton"

  • Coronavirus a Treviso, 12 persone positive al tampone: scatta l'isolamento

Torna su
TrevisoToday è in caricamento