Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

Leonardo Bottan, di Cappella Maggiore, è stato trovato senza vita sabato in tarda serata. Sul posto il Suem 118 e i carabinieri. Si sospetta sia stato vittima dell'eroina gialla

La vittima in una foto recente da Facebook

Drammatico ritrovamento nella tarda serata di sabato, verso le ore 23, all'interno del McDonald's di via Venezia a San Vendemiano. Nei bagni del locale è stato infatti scoperto il corpo esanime di Leonardo Bottan, 44enne originario di Cappella Maggiore.

Il cadavere è stato scoperto da un dipendente del fast food che ha subito chiamato sul posto i soccorsi. Perito elettrotecnico per lavoro, Bottan aveva vissuto diversi anni in Germania, a Francoforte. Da giovanissimo, una brutta caduta l'aveva fatto finire in rianimazione e durante un ricovero in ospedale aveva contratto un virus che aveva profondamente debilitato le sue condizioni di salute. Negli ultimi tempi era disoccupato ed era riuscito a trovare solo qualche impiego saltuario. Una vita difficile che aveva portato il 44enne ad avvicinarsi negli ultimi anni al mondo della droga. Sabato sera la tragedia. A nulla sono valsi i soccorsi del Suem 118, prontamente arrivati sul posto, l'uomo era ormai deceduto e ogni tentativo di rianimazione è stato vano. Sul fatto indagano ora i carabinieri di Conegliano. Il sospetto di una overdose da eroina gialla dovrà essere chiarito dall'autopsia e dalle analisi sul contenuto della siringa trovata vicino al cadavere. Bottan lascia il papà Alberto, la mamma Mariangela e un fratello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da tre giorni: Giorgia ritrovata a Napoli nella notte

  • Da oltre 24 ore non si hanno più notizie di Giorgia: mobilitati i social per ritrovarla

  • Tumore incurabile, il sorriso di Roberta si spegne a soli 54 anni

  • Tamponamento tra quattro mezzi in A27, autostrada in tilt

  • Epatite fulminante, il sorriso di Ennio Vendramini si spegne a 53 anni

  • Abusi sessuali in seminario: «Io, violentato da due preti che ancora esercitano in Veneto»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento