La nuova minaccia dall'Oriente è un moscerino: dopo i frutteti ora attacca anche i vigneti

Giovedì alle 15.30 a Paese il convegno sulla Drosophila Suzukii, Condifesa e Consorzio Agrario: “Non ci sono antagonisti, importanti monitoraggi e buone pratiche agronomiche”.

PAESE Un nuovo nemico dell’agricoltura è sbarcato dall’Oriente. Non bastavano zanzara tigre, cimice asiatica, vespa cinese, ora la minaccia si chiama Drosophila suzukii, una particolare specie di moscerino della frutta attestata dal 1916 nel Sud Est Asiatico e, a causa della globalizzazione, giunta negli da alcuni anni in Europa. Dopo aver mietuto i primi gravi danni alle coltivazioni di frutti rossi del Trentino Alto Adige, l’insetto alloctono è arrivato in Veneto, colpendo per prime le pregiate coltivazioni pedemontane di ciliegio, ed è ora giunto a minacciare diverse produzioni frutticole e anche di uva. Per essere pronti a fronteggiare questo insetto nel momento della maturazione dei frutti in estate, Consorzio Agrario Treviso Belluno e Condifesa Treviso hanno organizzato insieme per Giovedì 26 Gennaio 2017, dalle ore 15,30, (Sala riunioni, via Feltrina, 56, Castagnole di Paese –TV) un convegno sul tema: “Drosophila Suzukii, minaccia per la frutticoltura. E per la viticoltura?”.

Apriranno i lavori i presidenti del Consorzio Agrario Treviso Belluno, Fulvio Brunetta e del Consorzio di Difesa, Valerio Nadal. Seguiranno importanti interventi di relatori internazionali. Sarà presente il prof. Nicola Mori (DAFNAE – Università di Padova), uno dei maggiori esperti nazionali che ha seguito negli ultimi anni le ricerche sperimentali per il contenimento di questo insetto. “Al momento le nostre armi sono spuntate, dobbiamo tutelare le colture attraverso lotta integrata e cattura massale, utilizzando esche e trappole – spiega Fulvio Brunetta, presidente del Consorzio Agrario – proprio per far conoscere ai nostri agricoltori i protocolli di difesa applicati da chi, come Alto Adige e Svizzera, hanno già affrontato il problema, abbiamo coinvolto esperti italiani e stranieri”. La pericolosità del moscerino orientale è dovuta alla capacita di deporre uova esponenzialmente più elevata rispetto al moscerino autoctono: le femmine depongono le uova in frutti sani che generano larve e causano danni irreparabili ai frutti. La Drosophila Suzukii preferisce i piccoli frutti rossi e in Veneto ha preso di mira i ciliegi riducendo fino al 30% la pregiata produzione della Pedemontana (si stimano in 2 milioni i danni, dato Veneto Agricoltura 2014).

Ma ora si teme per i vigneti. L’attacco, già sferrato ai danni dei grappoli del Trentino, potrebbe contagiare il Veneto. Per conoscere le buone pratiche d’Oltralpe interverranno nella sede del Consorzio Agrario Luigi Colombi e Cristina Marazzi, Responsabili del Servizio Fitosanitario del Canton Ticino (Svizzera). “L’acino d’uva ha una buccia più difficilmente penetrabile, tuttavia – spiega Valerio Nadal, presidente Condifesa Treviso - alcuni vitigni rossi hanno iniziato ad essere colpiti, con problemi di marcescenza e infezioni microbiche. È quindi necessario alzare la guardia e adottare strategie di lotta volte a minimizzare il danno, basate sulla cattura e sulle pratiche agronomiche, come la rimozione di residui fermentescibili dal vigneto”. Il nuovo moscerino è infatti presente da troppo poco tempo per avere degli antagonisti naturali, ma per i produttori è importante mettere in pratica buone pratiche nella gestione del vigneto: il monitoraggio (attraverso l’uso di trappole, in commercio ne esistono a base di aceto e zucchero), la corretta gestione dei filari (corretta sfogliatura per arieggiare i grappoli, la loro diradatura e l’eliminazione tempestiva dei marciumi), come estrema ratio il trattamento fitosanitario. E per conoscere i prodotti in commercio e il loro utilizzo sono stati invitati i rappresentati di due aziende leader come Dow Agrosciences e Sipcam Italia che illustreranno le linee di difesa proposte.

unnamed-1-52

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è la prima vittima a Treviso: è una donna di 75 anni

  • Lascia un biglietto d'addio poi si toglie la vita a soli 39 anni

  • Malore fatale al lavoro: padre di due bambini muore a 31 anni

  • Trovata morta nella culla a soli 5 mesi: addio alla piccola Azzurra

  • Operaio con febbre alta: «Ero a Vo'». Dipendenti tutti a casa alla "Breton"

  • Malore fatale: il cuoco dell'osteria Al Baston muore a 59 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento