Una nuova motopompa per le emergenze idriche agli alpini di Treviso

Si tratta di un mezzo acquistato tramite il contributo messo a disposizione dal Dipartimento di Protezione Civile

TREVISO Novità importanti nella Sezione Ana di Treviso: nei giorni scorsi è giunta nella sede di via San Pelajo la nuova motopompa in grado di operare efficacemente durante i frequenti allagamenti che si verificano nel nostro territorio. Si tratta di un mezzo acquistato tramite il contributo messo a disposizione dal Dipartimento di Protezione Civile. “Siamo felici che abbiano accolto la domanda e capito la rilevanza degli interventi che i nostri volontari svolgono nella Marca trevigiana per far fronte all’emergenza idrica da Castelfranco a Motta di Livenza” spiega il presidente della sezione Ana di Treviso Raffaele Panno. La motopompa sarà gestita dalla protezione Civile dell’Ana trevigiana, coordinata da Bruno Crosato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 75 per cento del costo è stato coperto dal contributo dipartimentale, il restante dalla ditta produttrice, l’Euromacchine di Ponte di Piave. L’apparecchio è composto da: un gruppo elettrogeno multifunzionale, una torre faro, il gruppo pompa, un compressore e un carrello di traino. Pesa 1300 chili ed è in grado di aspirare 1300 litri d’acqua al minuto (150 metri cubi all’ora). “La nuova motopompa – precisa Bruno Crosato – completa il parco macchine della nostra Protezione Civile che conta attualmente 16 mezzi tra cui alcune grandi idrovore utili per intervenire in caso di allarme idrico”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento