Chiama la polizia per far multare le auto in sosta, ma alla fine a essere sanzionato è lui

L'uomo, un autista di autobus, è stato scoperto a parcheggiare l'auto familiare su uno stallo per disabili grazie al pass della madre, ignara di tutto

Chiama la Polizia Locale per far rispettare il codice della strada ma poco dopo viene sorpreso ad utilizzare abusivamente il pass invalidi dell'anziana madre. È successo venerdì mattina in centro a Treviso: un cinquantenne residente a Roncade, dipendente di un’azienda di trasporti, ha chiamato la centrale operativa della Polizia Locale in quanto l'autobus da lui condotto non riusciva a transitare su una strada dove erano parcheggiate in modo irregolare alcune autovetture, rendendo quindi difficoltoso il transito del mezzo. Gli agenti sono immediatamente intervenuti sanzionando alcune auto in sosta vietata, spostate poco dopo dagli stessi proprietari resisi conto del disagio creato. Poco più tardi, però gli operatori della Polizia Locale hanno rinvenuto un'autovettura che sostava su un parcheggio per disabili con esposto un regolare pass.

Peccato però che la titolare del permesso fosse tranquillamente a casa propria a Roncade. Coincidenza vuole che il proprietario della vettura che esponeva abusivamente il pass fosse proprio l'autista che avevachiesto l'intervento degli agenti per altre auto in sosta vietata.  «Si tratta del classico caso del cosiddetto furbetto del pass che utilizza il permesso per disabili intestato ad altri, parcheggiando abusivamente negli spazi di sosta dedicati a questa categoria di utenti, senza però trasportare effettivamente il titolare che spesso è a casa, ignaro che il suo permesso sia utilizzato in modo irregolare», spiega Andrea Gallo.

«Grazie alla collaborazione della Polizia Locale di Roncade, subito interpellata, è stato possibile verificare che la titolare del permesso, un'anziana signora di 80 anni, era a casa a badare alla faccende domestiche mentre il figlio aveva parcheggiato comodamente la propria macchina vicino alla sede di lavoro su uno stallo per disabili». Ogni giorno gli agenti impegnati nei controlli stradali, verificano che gli spazi per disabili siano utilizzati correttamente procedendo alla rimozione delle auto che sostano abusivamente. Ed è quello che è capitato all'autista che a fine turno è andato a recuperare la propria auto rimossa dovendo pagare oltre 100 euro di rimozione ed altri 40 euro di multa oltre al ritiro del pass riconsegnato al Comune di Roncade.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

  • Suicidio sui binari a San Fior, Venezia-Udine bloccata per tre ore

Torna su
TrevisoToday è in caricamento