Madre e figlia coltivavano marijuana nel giardino di casa: blitz della polizia

Sequestrate 65 piante. Nei guai una 43enne e una studentessa di 16 anni: è lei che aveva ordinato i semi in internet attraverso un sito internet olandese. "Sono per uso personale"

Le piante sequestrate

PONZANO Nel giardino di casa, sistemate in appositi vasetti sopra un tavolino, coltivavano amorevolmente da alcuni mesi ben 65 piante di mariijuana. A finire nei guai una donna di 43 anni e la figlia 16enne, studentessa: entrambe sono state denunciate dalla polizia per coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti. Gli uomini della squadra mobile di Treviso sono arrivati a questa piantagione, ora interamente sequestrata e destinata ad essere distrutta, attraverso alcune segnalazioni.

Qualche settimana fa è avvenuto il blitz degli agenti nella villetta in cui le piante venivano coltivate, a Ponzano in via Montello. Ad aprire la porta ai poliziotti è stato il fratello maggiore, di 19 anni, il quale ha candidamente raccontato che la marijuana era della sorella che si trovava a scuola al momento della perquisizione. Era stata infatti la minorenne, come ammetterà in seguito lei stessa, ad acquistare alcuni mesi fa su un sito internet olandese i semi per dare il via alla coltivazione per "uso personale". Il tutto, pare, con l'avvallo della madre che interpellata dai poliziotti circa la provenienza delle piante avrebbe replicato: "Forse sono di mia figlia". Anche negare il proprio coinvolgimento non ha salvato la 43enne da una denuncia che evidentemente non poteva non sapere cosa stesse crescendo nei vasetti che si trovavano nel giardino di casa. In casa la squadra mobile ha rinvenuto anche piccoli quantitativi di hashish.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Cade dalla sedia della sua cameretta, bimbo di nove anni grave all'ospedale

  • Esce per un controllo delle lepri: muore stroncato da un infarto

  • Sfreccia a 127 km/h con il suo bolide: il limite era 50 km/h

Torna su
TrevisoToday è in caricamento