Treviso - Portogruaro, pendolari in rivolta. Chisso: "Necessario"

"Confermo che il treno che passa per Oderzo alle 7,34, sulla tratta Treviso Portogruaro, non verrà soppresso, ma anticipato", dice Chisso

"Confermo che il treno che passa per Oderzo alle 7,34, sulla tratta Treviso Portogruaro, non verrà soppresso, ma anticipato di qualche minuto". Renato Chisso, assessore alle politiche della mobilità del Veneto, interviene per chiarire la sorte del convoglio ferroviario, alla luce delle indiscrezioni che si stanno diffondendo su questa e altre tematiche del trasporto ferroviario, a poche settimane dall'avvio del servizio cadenzato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In questi giorni - aggiunge - si stanno insinuando allarmi e sospetti, che si aggiungono ad un servizio tutt'altro che perfetto del quale so bene le carenze, che sto verificando personalmente anche in questo periodo su più linee". "Abbiamo pensato al cadenzamento come risposta ad una situazione che sta diventando insostenibile - ha detto Chisso - che vede aumentare il numero degli utenti ma anche le carenze dell'attuale sistema soprattutto rispetto a questa crescita. Nei prossimi giorni avremo modo di illustrare il nuovo orario, che potrebbe subire ancora qualche ritocco dell'ultimo minuto". (ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Sequestrata dai Nas la casa di riposo “Home Claudia Augusta”

  • Club 27 chiuso "per ignoranza", i titolari: «Rispettate le regole»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento