Condannato per un furto di gasolio, fermato e arrestato dalla polizia dieci anni dopo

Sabato mattina gli uomini della polizia stradale lo hanno fermato per un normale controllo lungo la Cadore-mare a Oderzo. Il furto risale al 11 novembre 2008 e avvenne nel piazzale della ditta Krono System di Mansuè

Una volante della polizia

Sabato scorso, gli agenti della squadra mobile e del distaccamento di polizia stradale di Vittorio Veneto, hanno arrestato a Oderzo, lungo la strada provinciale 15, Cadoremare, un cittadino rumeno, A.D.F. di anni 34, residente a Gaiarine, destinatario di un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso il 2 maggio 2017 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Treviso.

L’uomo era ricercato dagli investigatori della squadra mobile dopo una condanna per un furto di 45 litri di gasolio prelevato nella notte dell’11 novembre 2008 da un escavatore, parcheggiato nel piazzale della ditta Krono System di Mansuè. Sabato mattina gli uomini della polizia stradale, lo hanno sottoposto ad un accurato controllo mettendo fine alla sua latitanza. Al termine delle formalità di rito, il condannato è stato associato presso la locale casa circondariale di Santa Bona a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Potrebbe interessarti

  • Pioggia, vento e grandine: la Marca ancora nella morsa del maltempo

  • SuperEnalotto: sfiorato nella Marca il jackpot più alto della storia

  • Lutto tra le colline del prosecco, addio a Fabio Ceschin

  • La storia di Diana, il cucciolo orfano salvato da una canzone dei Lost

I più letti della settimana

  • Tragico frontale a Borgoricco, morto un prete di 82 anni

  • Centauro 21enne si schianta contro un'auto: è grave all'ospedale

  • Si schianta con la moto contro un'auto, muore un 40enne

  • Segrega in casa e picchia la moglie e la figlia di 14 anni: arrestato 50enne padre-padrone

  • Tamponamento a catena in A4: un morto, traffico in autostrada nel caos

  • Auto fuori strada in Feltrina: due persone incastrate tra le lamiere, ferita una bimba

Torna su
TrevisoToday è in caricamento