Una palestra a prova di terremoto: presentato il progetto esecutivo per la scuola Amalteo

L'ingegner Filippo Di Pisa ha donato nelle scorse ore al Comune di Oderzo il progetto della nuova palestra. Ora il prossimo passo sarà partecipare al bando #italiasicura per l'inizio dei lavori

ODERZO E’ stato presentato venerdì mattina, in Municipio ad Oderzo, il progetto esecutivo della nuova palestra destinata alle scuole medie Amalteo. La vecchia struttura verrà sostituita da un nuovo edificio polivalente, non solo sicuro da punto di vista sismico, ma anche molto più soddisfacente dal punto di vista delle sue dimensioni e quindi del suo utilizzo.

La palestra potrà ospitare ben tre campi da gioco conformi alle direttive CONI e potranno essere organizzate competizioni a qualsiasi livello. La nuova struttura potrà, inoltre, costituire il punto di raccolta coperto e sicuro, oggi mancante, da inserire nel Piano di Protezione Civile, dove proteggere i cittadini in caso di calamità. Singolare il modo in cui è nata l’idea dell’intervento: durante la festa dello scorso fine anno il presidente della NPO (cfr. Nuova Pallavolo Oderzo), con una scherzosa provocazione, consegnò alla Sindaca una lettera per chiedere a Babbo Natale una nuova palestra.

Fondamentale, per poter utilizzare i propri fondi per realizzare l’opera, come previsto dal bando di #italiasicura promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, è avere a disposizione un progetto esecutivo validato. Lo scherzo del presidente Zuliani ha cominciato a concretizzarsi e tramutarsi in realtà quando l’ing. Di Pisa, eccellente ex giocatore, ha accolto la sfida decidendo di regalare all’amministrazione comunale il progetto della nuova palestra. Commenta la sindaca, Maria Scardellato: “Non ho parole per ringraziare a nome dell’amministrazione l’ingegnere Filippo Di Pisa che ha messo a disposizione degli opitergini la sua professionalità per la progettazione di un intervento atteso e desiderato soprattutto da parte di studenti e degli amanti dello sport.

Questa sua generosità ci permetterà di partecipare al bando nazionale che potrebbe consentirci di realizzare la palestra utilizzando l’avanzo di amministrazione senza incidere sul patto di stabilità. Sembra impossibile, ma è proprio così. Dobbiamo presentare un progetto esecutivo e sperare di ottenere il permesso di spendere i nostri soldi”. Commenta l’assessore ai lavori pubblici, Vincenzo Artico: “Sono molto grato all’ingegner Di Pisa per questo suo gesto di liberalità che evidenzia la grande sensibilità, disponibilità e generosità dei nostri cittadini. Le amministrazioni attente, grazie a questi nobili gesti filantropici, possono raggiungere obiettivi impensabili. Il ringraziamento all’ing. Di Pisa è esteso a tutte le persone sensibili che, spesso senza clamore, danno risposte concrete alle necessità della nostra collettività”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

Torna su
TrevisoToday è in caricamento