Malore sul lavoro: operaio rischia assideramento a Riese Pio X

Un operaio 32enne di un'azienda di Riese Pio X si trova ricoverato in prognosi riservata al Ca' Foncello. Colto da un malore all'interno di una cella frigorifera, ha rischiato di morire assiderato

Paura alla Surgenuin di Riese Pio X, ieri pomeriggio. Un operaio di 32 anni è stato colto da un malore e ha rischiato di morire assiderato.

Secondo quanto si è appreso, il giovane è svenuto mentre lavorava in un vano refrigerante. Non è ancora chiaro quanto tempo sia rimasto all'interno della cella. Ad accorgersi dellla sua assenza i colleghi, che lo hanno cercato e trovato quasi assiderato.

Immediata la chiamata ai soccorsi. I primi ad arrivare sul posto sono stati i Vigili del fuoco, che hanno effettuato le prime manovre di rianimazione dell'operaio, in attesa dell'arrivo del Suem 118. Il 32enne è stato quindi trasportato d'urgenza al Ca' Foncello di Treviso, dove si trova ricoverato in prognosi riservata.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Donna di 60 anni travolta e uccisa da un'auto sotto lo sguardo del marito

    • Video

      “Io sono pronto, a chi si fa avanti, a cedere la società. Sono stato ostacolato”

    • Cronaca

      Sant'Angelo piange "Gigi", morto a causa di un tumore a 30 anni

    • Cronaca

      Adunata 2017, siglata la convenzione tra Comune di Treviso e il comitato organizzatore

    I più letti della settimana

    • Gravissimo scontro tra auto a Canizzano: due persone finiscono all'ospedale

    • Donna di 60 anni travolta e uccisa da un'auto sotto lo sguardo del marito

    • Treviso: palazzina in fiamme a Sant'Antonino, dodici appartamenti evacuati

    • Sale in treno senza biglietto, il capotreno lo sanziona ma finisce a processo

    • A 25 anni una donna può fare l'imprenditrice? Si e con successo. Apre a Treviso PUFF Store

    • Razzia di pellicce e giubbini, colpo da 100mila euro da "Colognese"

    Torna su
    TrevisoToday è in caricamento