Minacce di morte all'ex moglie: 46enne a processo per stalking

Geloso della donna, il marito, secondo le accuse della presunta vittima, avrebbe messo in atto a partire dalla separazione una serie di strategie per cercare di controllarla

L'ennesimo caso di stalking

I soldi e la gelosia sarebbero all'origine della violenza psicologica esercitata da un 46enne di Paese nei confronti della ex moglie. L'uomo, A.I, originario della provincia di Caserta, è stato denunciato e ora dovrà affrontare il processo in cui dovrà rispondere dei reati stalking e  molestie. Su di lui pende anche l'accusa di non aver versato il mantenimento ai due figli.

Geloso della ex l'uomo, secondo le accuse della presunta vittima, avrebbe messo in atto a partire dalla separazione una serie di strategie per cercare di controllare la ex. Poi le telefonate e i messaggi a tutte le ore del giorno e della notte. Un vero incubo, durato fino al maggio del 2016, reso ancora peggiore dal fatto che il 46enne e la donna hanno continuato a litigare per per lungo tempo sull'assegno di mantenimento ai due figli della coppia, il più grande di 15 anni il secondo di nove.

«Cretina, deficiente, io ti ammazzo». Queste le minacce che sarebbero state rivolte dal casertano alla ex. «Ho avuto paura - ha raccontato la donna agli investigatori - non solo per me ma anche per l'incolumità dei miei due ragazzi». Il processo è stato rinviato ad inizio del prossimo anno. L'udienza odierna è infatti stata rinviata per effetto dell'astensione dei penalisti, che protestano contro il progetto di riforma della prescrizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Esce per un controllo delle lepri: muore stroncato da un infarto

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

Torna su
TrevisoToday è in caricamento