Faida tra nomadi a Castagnole, spari contro le abitazioni del clan rivale

Spedizione punitiva martedì notte contro i Levak: ad agire due membri del clan Baricevic che sono stati arrestati dai carabinieri di Montebelluna e ora si trovano in cella con l'accusa di tentato omicidio

PAESE Minuti di vero terrore quelli che hanno vissuto, nella notte tra lunedì e martedì, i residenti di via don Sturzo a Castagnole di Paese. Alcuni membri del clan nomade dei Baricevic, alle 3.30 circa, hanno infatti esploso cinque colpi di pistola contro le abitazioni in cui vivono membri della famiglia rivale dei Levak, danneggiando case e auto in sosta. I carabinieri di Montebelluna e di Paese, coordinati dal comandante Sabatino Piscitello, sono riusciti in breve tempo ad identificare e arrestare già nel pomeriggio di ieri i responsabili dell'attentato. Si tratta di due appartenenti alla famiglia Baricevic di Treviso, ora in cella con l’accusa di tentato omicidio in concorso e porto abusivo di armi comuni da sparo. I due malviventi sono stati associati al carcere di Treviso, a disposizione del pubblico ministero di turno presso la Procura della Repubblica del Tribunale, Davide Romanelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bar presi d'assalto, Zaia furioso: «Se continua così chiudo tutto»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Madre di un figlio di 11 anni muore dopo una lunga malattia

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento