Pediatria a Montebelluna: grazie alla comunità un dono per i genitori dei nuovi nati

Grazie alla Comunità Villa di San Francesco e al suo progetto di Restituzione, l'idea è di regalare un oggetto in vetrofusione realizzato nel laboratorio "Sogni antichi"

MONTEBELLUNA “Un progetto di restituzione che fa rima con sociale e condivisione di quei percorsi di crescita e di aiuto reciproco di cui siamo testimoni grazie a Comunità come quella di “Villa San Francesco” di Pedavena”. Saluta con queste parole Francesco Benazzi, direttore dell’Ulss 2 Marca trevigiana, il progetto sul tema “Restituisci al mondo prima che venga sera” che vede protagonisti dei ragazzi che vivono nella comunità feltrina. Uno di loro, J. U. di 14 anni, ha scelto per la restituzione proprio l’Ospedale di Montebelluna e nello specifico il reparto di pediatria. L’idea è di consegnare ai genitori dei nuovi nati a Montebelluna fino a fine anno un oggetto in vetrofusione realizzato nel laboratorio della comunità denominato “Sogni antichi”. Si tratta di “un dono di un fiore per ogni nuova vita che vedrà la luce in Ospedale a Montebeluna” come si legge in un volantino della stessa Comunità. I “fiori” realizzati dai ragazzi saranno più di mille proprio. A ricevere i primi oggetti il direttore di Pediatria/Nido Paolo Mesirca, il direttore medico Giuseppe Toffolon, il pediatra di libera scelta Fabiola Banchetti, la dr.ssa Francesca Biscaro e la coordinatrice infermieristica Monica Colesso. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento