Piano Cave, Assessore Bottacin: "Legge storica dopo 36 anni"

"Saranno autorizzati solo ampliamenti di cave esistenti e, per quanto riguarda sabbia e ghiaia, non potranno esserci nuove autorizzazioni, neppure di ampliamento"

TREVISO “Oggi è una giornata storica perché ci stiamo accingendo ad approvare la nuova legge sulle cave dopo 36 anni. Un primo passo che poi dovrà essere immediatamente seguito dall'approvazione del Piano sulle attività estrattive, per non lasciare la legge zoppa, essendo prac e legge strettamente connessi”. Lo ha rimarcato l’assessore regionale all’ambiente Gianpaolo Bottacin intervenendo in consiglio regionale nella discussione generale che ha aperto l’esame del Disegno di legge relativo alle “Norme per la disciplina dell'attività di cava”.  

L’assessore ha voluto ringraziare tutti i consiglieri della seconda commissione. a iniziare dal presidente Calzavara, e tutti i consiglieri che pur non facendo parte della commissione hanno voluto dare il loro prezioso contributo. Un ringraziamento è stato rivolto anche alle strutture tecniche della Regione per il supporto in questo impegnativo lavoro e a tutti coloro che a vario titolo hanno dato il loro contributo. 

“Ne è uscito un testo – ha detto Bottacin - che nella sostanza dei suoi punti cardine è stato condiviso grazie anche al lavoro di miglioramento svolto dalla commissione. Tra i principi su cui si fondano  la legge e il prac  va evidenziata la riduzione del consumo del suolo. Basti pensare che partendo da un fabbisogno, nei prossimi 10 anni di 80 milioni di mc. di materiale, solo 12,5 saranno derivanti da nuove estrazioni. Gli altri deriveranno da demolizioni, opere pubbliche e estrazioni già autorizzate”.

“L'aspetto più importante – ha aggiunto - credo che sia il no a nuove cave. Saranno autorizzati solo ampliamenti di cave esistenti e, per quanto riguarda sabbia e ghiaia, non potranno esserci nuove autorizzazioni, neppure di ampliamento, se non nelle province di Verona e Vicenza. Non si potranno destinare siti di cava a discariche, né si potrà scavare sottofalda. Le cave esaurite potranno essere utilizzate come bacini di laminazione per incrementare la sicurezza idraulica e come bacini di accumulo per l'irrigazione. Ogni autorizzazione potrà essere prorogata solo una volta ed è stato introdotto il concetto del ristoro non solo per il comune in cui insiste la cava, ma anche per i comuni limitrofi. Va anche chiarito che le Province non sono state escluse, ma potranno assumere la competenza autorizzatoria previa intesa con la Regione. Visti i presupposti - ha concluso Bottacin – mi auguro che la discussione in aula sia costruttiva come in commissione e che i tempi di approvazione della legge e del prac siano ridotti al minimo indispensabile”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    In partenza dallo scalo di Tessera, in valigia ha una pistola e 5 proiettili

  • Attualità

    La polizia locale del Coneglianese sarà operativa anche a San Pietro di Feletto

  • Cronaca

    Furti tra la Marca e il vicentino, ladro finisce nella rete della polizia

  • Salute

    Giacomo Zanus è il nuovo direttore della IV° Chirurgia del Ca’ Foncello

I più letti della settimana

  • I proprietari lasciano: la Gigia è in vendita

  • Ragazza aggredita da tre uomini nel parcheggio del supermercato

  • Schianto nella notte sulla Pontebbana, grave un 18enne

  • Rissa in pizzeria: titolare e dipendente aggrediti da due stranieri

  • Operaio trovato morto in casa in una pozza di sangue, giallo a Casale

  • Incidente in A4 al confine tra Meolo e Roncade, muore un 48enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento