Marito picchia la moglie in pubblico: "Devi portare il velo"

Un bengalese 50enne ha picchiato la moglie perchè geloso del fatto che non portasse il velo tradizionale al lavoro, no motivazioni religiose

TREVISO - Ha picchiato la moglie perchè non portava il velo, ma non si è pentito delle sue azioni. Protagonista del fatto un bengalese di 50 anni beccato in piazzale Pistoia mentre era intento a schiaffeggiare la propria consorte.

A lanciare l'allarme alcuni passanti, preoccupati per le sorti della donna dopo aver visto la violenza con cui l'uomo stava colpendo la sua amata. La polizia è così subito giunta sul posto, ma dei due protagonisti dell'episodio non c'era già più traccia. Dopo alcune ricerche, la signora di 30 anni è stata trovata letteralmente sotto choc poco distante dentro una cabina telefonica, mentre l'uomo verrà poi ritrovato all'interno della sua abitazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alle domande degli agenti sul perchè stesse picchiando la moglie, tra l'altro di fronte alla loro piccola bambina, il 50enne ha risposto che la motivazione non era religiosa come si poteva pensare, ma bensì di rispetto delle tradizioni bengalesi che impongono alla donna di portare il velo in pubblico. Insomma, un'aggressione alla moglie mista a motivi tradizionali e a gelosia che sarebbe potuta sfociare in qualcosa di molto più grave.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Misteriosa scia luminosa solca i cieli tra le province di Treviso e Venezia

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • Sparisce di casa andando a fare la spesa: ritrovato nella notte

  • Finisce in acqua mentre gioca in giardino, bimba di due anni muore annegata

  • Coronavirus, oltre 10mila contagi in Veneto: cinque morti nella Marca

  • Male incurabile, addio a Lorenza Pampagnin: anima del commercio locale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento