Scuole primarie e una palestra: furti a raffica a Pieve di Soligo

Spariti computer portatili e denaro dall "Zanzotto" di via Cal Santa e al "Collegio Balbi Valier", in via Sartori. Nel mirino anche la "Green point": rubate due bici del valore di 10mila euro

La scuola primaria "Zanzotto"

Un personal computer, un notebook e una somma di circa 500 euro: questo il bottino che ignoti hanno trafugato, nella notte tra lunedì e martedì, all'interno della scuola primaria "Zanzotto" di Pieve di Soligo, in via Cal Santa. Nel mirino dei ladri anche la scuola primaria "Collegio Balbi Valier", in via Sartori, dove sono spariti due pc portatili. Sempre a Pieve i ladri hanno "visitato" la palestra "Green point" di via Papa Luciani: i malviventi, penetrati all'interno, hanno trafugato due biciclette da corsa del valore di circa 10mila euro e una somma in contanti di 400 euro.

Nei giorni scorsi si sono registrati altri colpi a Vittorio Veneto: ignoti hanno svaligiato, nella notte tra martedì e mercoledì, la scuola primaria "Marco Polo" di via Pontavai dove sono stati scassinati i distributori automatici di cibo e bevande (come era successo di recente alla "Pascoli" e "Da Ponte"), razziate inoltre due abitazioni al primo piano di un condominio di via Buonarroti (spariti vari gioielli in oro) e alcune auto in sosta.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Ciclismo trevigiano in lutto: Christian Cigaia perde la vita a soli 47 anni

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Schianto frontale tra camion e auto sulla Postumia, muore 60enne

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento