Premiazioni alle 4 di notte col megafono: la gara di agility a Paese finisce in polemica

Troppo caldo domenica pomeriggio per far gareggiare i cagnolini arrivati, ecco allora che la kermesse viene spostata alla sera, ma il chiasso disturba i residenti

PAESE Un'intera nottata ad occhi sbarrati e con il suono di un megafono sotto casa alle 4 del mattino. Ecco quanto hanno dovuto affrontare i residenti della zona intorno a via Treforni di Paese nella notte tra sabato e domenica. Impossibile infatti far gareggiare i cani durante il pomeriggio, per la manifestazione "Jumping The Night" organizzata dall'associazione "Il Cagnolino Rampante" con l'ENCI, e allora ecco che la kermesse viene stata spostata a tarda serata. Il problema reale però è stato che lo speaker dell'evento ha pensato bene di movimentare le premiazioni chiamando i vincitori con il megafono, tanto che più di qualcuno se ne è lamentato sulla pagina Facebook "Sei di Paese se...".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Pur non avendo niente contro gli animali - scrive Luca - ritengo che fare le premiazioni di una gara notturna accendendo i megafoni a squarciagola alle 4.40 del mattino, come fossero le cinque di pomeriggio, sia da imbecilli, fatevi vedere da uno veramente bravo ne avete bisogno", mentre Luana scrive: "Pure io ho sentito, subito ho pensato fosse qualcuno con la televisione accesa a tutto volume che si stava guardando una gara". O ancora Stefano che commenta: "Diciamo che la logica vorrebbe questo: chi era presente alla manifestazione si sarà trovato nelle immediate vicinanze del sito ove le stesse avranno avuto luogo e quindi, salvo la presenza di portatori di deficit uditivo, i presenti e/o partecipanti non avrebbero dovuto avere necessità di eccessiva profusione di decibel per seguire le cronache del caso mentre chi non era presente all'evento, a quell'ora era con ogni probabilità a letto e con altrettanta probabilità non gliene importava nulla di quanto stava accadendo altrove". Infine interviene Massimo: "Da denuncia. A quell'ora certe cose non sono permesse. Che piacciano o meno i cani ci vuole rispetto. Se qualcuno chiamava i carabinieri quel signore col megafono sicuramente non la passava liscia"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento