Spaccia mentre è ai domiciliari: quarto arresto in due anni per un 19enne

Giovedì sera il blitz degli agenti della squadra mobile di Treviso e dell'unità cinofila presso l'abitazione di Ponzano in cui Martino Pivato vive con i genitori. Sequestrati sette etti di hashish e un etto di marijuana. Per lui si sono riaperte le porte del carcere di Santa Bona

Martino Pivato, 19 anni, era già stato arrestato a fine giugno

Lo scorso 30 giugno era stato arrestato dalla polizia mentre tornava da Jesolo, in auto, con un amico: a bordo del mezzo, fermato per un normale controllo lungo la Treviso-mare, gli agenti trovarono sette kg e mezzo di marijuana. Per quell'episodio era finito agli arresti domiciliari ma, nonostante ciò, non aveva smesso di smerciare droga. A finire nuovamente nei guai un 19enne di Ponzano Veneto, Martino Pivato, studente dell'istituto Duca degli Abruzzi di Treviso.

Il giovane, dopo una perquisizione presso l'abitazione lungo Postumia in cui vive con i genitori, è finito nuovamente in manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti: ora si trova rinchiuso nel carcere di Santa Bona. Gli agenti della squadra mobile di Treviso, con l'aiuto dell'unità cinofila della polizia locale di Treviso, hanno rinvenuto nella soffitta dell'abitazione in cui il 19enne vive, circa sette etti di hashish, un etto di marijuana, un grammo di cocaina, materiale vario per confezionare dosi, un bilancino e una somma di 4.400 euro in contanti. Si tratta del quarto arresto negli ultimi due anni, sempre a causa di vicende dedicate allo spaccio di droga.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Nel corso della perquisizione il giovane, ha riferito il dirigente della squadra mobile di Treviso, Claudio Di Paola (intervista in video), avrebbe cercato di fuggire, non prima di gettare a terra i contenitori di droga che nascondeva, per liberarsene.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di TREVIGIANO
    TREVIGIANO

    Ormai la droga e' una piaga sociale spaventosa che sta' mietendo vittime da tanti anni. Per eliminarla  bisogna chiudere di nuovo le frontiere e fare controlli a tappetto sia via terra che via mare  e impegnare l'esercito h.24. Se non diamo una svolta a questo paese e all'europa intera dovremo piangere x tanti anni. 

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il giudice è imparziale: il processo ad Emanuela Petrillo resta a Udine

  • Cronaca

    Va in cimitero per fare visita alla tomba della figlia: anziana sparisce da casa

  • Meteo

    Sole a Pasqua e tempo variabile a Pasquetta: grigliate salve

  • Incidenti stradali

    Auto finisce fuori strada, miracolato automobilista 37enne

I più letti della settimana

  • Tragedia alla "Agrifung", camionista muore schiacciato da un escavatore

  • Trovato il corpo senza vita di Alex Gerolin

  • Male incurabile: pasticciere perde la vita a soli 36 anni

  • Oderzo: il sindaco cancella i festeggiamenti per il 25 aprile

  • Preside chiude la scuola, sindaco su tutte le furie: «La denuncio»

  • Simula furto per non pagare un debito di gioco, condannato Ettore Setten

Torna su
TrevisoToday è in caricamento