Figlia prostituta, la madre: “Non sapevo nulla, faceva solo massaggi”

Ha affermato di non sapere nulla sull'attività della figlia la madre della sedicenne che si prostituiva in casa. La donna era convinta che la ragazza praticasse semplici massaggi

Interrogata dal gip Umberto Donà, la quarantacinquenne sudamericana arrestata favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione minorile ha affermato di non sapere nulla dell’attività della figlia sedicenne.

“Non sapevo nulla – ha dichiarato la donna – Mia figlia faceva soltanto massaggi. Era lei a farsi pubblicità su internet”.

La quarantacinquenne, arrestata sabato scorso dopo una lunga serie di pedinamenti e appostamenti da parte delle forze dell’ordine, ha raccontato che la figlia contribuiva alle spese familiari con qualche decina di euro. Denaro proveniente dai massaggi che, secondo la donna, la ragazza eseguiva su clienti abituali e fidati.

Nessun dubbio, dunque, da parte della madre che gli incontri tra la sedicenne e uomini dai 30 ai 50 anni fossero di tutt’altra natura. E proprio la scoperta della realtà dei fatti le avrebbe causato la crisi di nervi, che l’ha costretta al ricovero in ospedale.

Mentre si procede con la verifica della versione data dalla quarantacinquenne, però, tremano i clienti della ragazza. Quelli abituali sono almeno una dozzina e sono già stati sentiti dagli inquirenti. Per loro si va sempre più affermando l’ipotesi di iscrizione nel registro degli indagati con l’accusa di prostituzione minorile.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore durante l'ora di educazione fisica, muore studente 14enne

  • Si schianta contro un'auto mentre è in bicicletta: morto un ciclista 40enne

  • Morto a scuola a 14 anni: la madre ricoverata in ospedale per un malore

  • Il figlio muore per una malattia rara, padre si toglie la vita

  • Gita a Venezia con la scuola, mezza classe non scende dal treno di ritorno

  • Incidente mortale mentre sta andando a lavoro, muore padre di due bimbe

Torna su
TrevisoToday è in caricamento