In piazza contro gli NPL gonfiati: "Dalle istituzioni nessuna risposta, evitiamo il bagno di sangue"

Alfredo Belluco, vicepresidente di Confedercontribuenti, presenta l'iniziativa di protesta che si terrà sabato 16 dicembre in piazza dei Signori a Treviso

Alfredo Belluco

Sabato 16 dicembrea alle 11 in piazza dei Signori a Treviso, davanti alla Prefettura, manifestazione di protesta da parte delle associazioni che combattono la battaglia in difesa dei risparmiatori e imprenditori veneti truffati dalle banche.

LA MANIFESTAZIONE

Uno dei promotori, Alfredo Belluco, vicepresidente di Confedercontribuenti, a gran voce invita tutti i risparmiatori ed imprenditori ad un esame gratuito dei loro crediti deteriorati o debiti bancari: "E' necessario che la gente sappia che l'80% di questi crediti gonfiati, falsi e farlocchi possono essere contestati per tutta una serie di illeciti penali e civili, truffe e anatocismo bancario e commissioni non dovute o non lecitamente pattuite che sommati superano spesso il tasso soglia di usura".

RECUPERO CREDITI

Buona parte di questi crediti nel 2018 sono in previsione di essere recuperati: un giro di affari di miliardi di euro che riguarderà migliaia di famiglie e di imprenditori. "Un bagno di sangue - afferma Belluco - che va fermato. Mi sono rivolto alle istituzioni, ho accusato la Banca d'Italia di complicità eppure ancora nulla si è fatto e nulla si è mosso. A nessuno sembra interessi la questione dal punto di vista del risparmiatore. Non possiamo più stare a guardare: dobbiamo far capire ai cittadini che i crediti deteriorati, i debiti con le banche possono essere e vanno esaminati uno ad uno". Sarà presente alla giornata anche il Popolo della Famiglia che, attraverso l'esponente Lorenzo Damiano, ha fatto sapere: "Da anni con Alfredo e altri amici conduciamo una battaglia insieme per denunciare i misfatti delle Banche venete e di altre banche in Italia. Questa è una questione che riguarda tutto il popolo veneto e non solo. Ruguarda la gente comune, gente perbene che ha perso tutto e che soffre a causa di illeciti. Non si può, come fa la politica oggi, fare orecchie da mercante: noi siamo dalla parte del cittadino e ci batteremo fino alla fine per difenderlo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

Torna su
TrevisoToday è in caricamento