Consegna dei lavori Pedemontana, tensioni all'inaugurazione

Un martedì mattina molto acceso a Caselle di Altivole in occasione della consegna dei lavori tra l'ex statale 667 e via Schiavonesca

Foto da Twitter

ALTIVOLE — Disagi e rabbia alla consegna dei lavori dei nuovi lotti della Pedemontana veneta tra l'ex statale 667 e via Schiavonesca. Martedì mattina A Caselle di Altivole è intervenuto anche il Governatore del Veneto, Luca Zaia, nel mezzo di una protesta da parte dei cittadini terminata addirittura con un arresto. Una persona, infatti, avrebbe tentato di forzare il cordone dei carabinieri con un trattore, per questo sarebbe stata bloccata finendo in manette.

I lavori sono stati affidati quasi per l’80 per cento con un investimento di un miliardo e mezzo di euro. Il Governatore ha annunciato che l’infrastruttura dovrebbe essere pronta per la consegna entro il 2018, con pedaggi scontati per studenti e pensionati. Il presidente della Regione ha rinnovato la richiesta di commissariamento per l’arteria. “Solo così si riesce a procedere in fretta”, ha twittato, definendo l’opera come essenziale per l’economia locale. Non è bastato a calmare le proteste dei residenti, molti dei quali da anni organizzano sit in e raccolte firme.

Potrebbe interessarti

  • Pioggia, vento e grandine: la Marca ancora nella morsa del maltempo

  • Lutto tra le colline del prosecco, addio a Fabio Ceschin

  • Male incurabile, giovane mamma perde la vita a soli 44 anni

  • Sorgenti del Piave, la commissione di esperti conferma: «Sono in Veneto»

I più letti della settimana

  • Tragico frontale a Borgoricco, morto un prete di 82 anni

  • Centauro 21enne si schianta contro un'auto: è grave all'ospedale

  • Si schianta con la moto contro un'auto, muore un 40enne

  • Segrega in casa e picchia la moglie e la figlia di 14 anni: arrestato 50enne padre-padrone

  • Tamponamento a catena in A4: un morto, traffico in autostrada nel caos

  • Auto fuori strada in Feltrina: due persone incastrate tra le lamiere, ferita una bimba

Torna su
TrevisoToday è in caricamento