Banditi in moto rapinano benzinaio in soli trenta secondi

Il colpo è stato rapidissimo: 30 secondi. Gli autori sono fuggiti a bordo di una moto, rubata in provincia di Venezia. Il bottino è di oltre 4mila euro

L'operazione è durata trenta secondi esatti, tanto dura il colpo secondo le immagini registrate dalle telecamere della stazione di servizio "Xoil" via Agozzo, la strada tra San Biagio di Callata e Treviso Mare.

Ieri intorno alle 18,30 un uomo è sceso da una moto, guidata da un complice, ed è entrato armato nella stazione di servizio, facendosi dare l'incasso, di circa 4mila euro, e il denaro di un cliente trevigiano che stava pagando il carburante.

Terrorizzato il giovane addetto alla pompa di benzina, mentre il titolare era nell'ufficio a fianco. I due malviventi sono scappati su un’Africa Twins, rubata alcuni giorni fa in provincia di Venezia. Secondo le prime indagini sarebbero banditi dell'Est Europa. Sul fatto sta indagando la Polizia di Treviso.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Incendio al centro commerciale di Oderzo: 50 unità ancora al lavoro, si indaga sulle cause

    • Cronaca

      Precipita da sei metri d'altezza durante un'escursione: arrampicatore ricoverato a Treviso

    • Sport

      Il Treviso Basket ritrova la vittoria: Roseto cade al Palaverde

    • Cronaca

      Nuovo bando all'ex caserma Serena, previsti 560 posti per i migranti

    I più letti della settimana

    • Devastante incendio al Parco Stella di Oderzo, al lavoro 15 squadre dei vigili del fuoco

    • Incendio al centro commerciale di Oderzo: 50 unità ancora al lavoro, si indaga sulle cause

    • Mezzo pesante si rovescia su un fianco: traffico bloccato in rotonda a Susegana

    • Schianto contro un camion: morto un 18enne, 19enne in rianimazione

    • Allarme bomba al centro commerciale: gli artificieri fanno brillare uno zainetto

    • In tangenziale a Treviso spuntano due nuovi autovelox

    Torna su
    TrevisoToday è in caricamento