Tragedia sul lavoro a Resana, precipita dal tetto e muore

Incidente alle 9 presso l'azienda "Europe meat" di via Roma. A perdere la vita Umberto Simioni, 46 anni, del luogo. Sul posto intervenuti gli infermieri e i medici del Suem 118, i carabinieri e i tecnici dello Spisal

RESANA Tragico incidente sul lavoro nella prima mattinata di oggi, martedì, poco dopo le 9, presso l'autofficina "Antonello" di via Roma a Resana. Vittima un 46enne, Umberto Simioni, residente in zona e da un anno dipendente dell'azienda di macellazione "Europe Meat". L'uomo è precipitato dal tetto dell'autofficina (adiacente alla ditta) su cui è sconfinato mentre stava lavorando all'impianto di refrigerazione: si è trattato di un tremendo volo, circa dodici metri, che non gli ha lasciato scampo. Stando ai primi accertamenti la copertura, in eternit, si sarebbe sbriciolata sotto i suoi piedi, facendolo cadere nel vuoto. Sul posto sono intervenuti gli infermieri e i medici del Suem 118 che non hanno potuto far altro che constatare la morte dell'operaio, i carabinieri di Castelfranco Veneto e i tecnici dello Spisal dell'Ulss 2 che ora dovranno accertare le cause della tragedia. Umberto Simioni lascia moglie e tre figli.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Schianto frontale sulla Feltrina: due morti, quattro feriti

  • Cronaca

    Infarto sul campo da tennis, assicuratore muore a 48 anni

  • Incidenti stradali

    Scontro frontale tra auto sulla Postumia, quattro feriti

  • Attualità

    Risponde male al titolare su Whatsapp: licenziato

I più letti della settimana

  • Schianto frontale sulla Feltrina: due morti, quattro feriti

  • Aggredita nel parcheggio del Panorama: mamma finisce in ospedale

  • In gita in montagna scivola per un centinaio di metri in un canalone: morto un 18enne

  • Ex miss Padania a processo per furto e ricettazione

  • In corriera senza biglietto: fuggono prendendo a calci controllori e studenti

  • Casa crivellata dai proiettili dei cacciatori, i proprietari: «Potevano ucciderci»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento