Maxi zuffa tra nomadi e nigeriani: in una dozzina finiscono nei guai

Il fatto è accaduto venerdì poco dopo mezzogiorno, nei pressi delle Poste di Paese. A scatenare la rissa sarebbe stato un tentativo di truffa

Una dozzina di persone identificate e alcuni persino portati in caserma per essere ascoltati su quanto successo. Questo il bilancio di una maxi rissa che si è scatenata venerdì presso le Poste di Paese, in via della Resistenza. Come difatti riporta "la Tribuna", verso mezzogiorno alcuni residenti e commercianti della zona hanno contattato i carabinieri a causa di una zuffa tra nomadi e nigeriani che si stava consumando nel piazzale dell'area. A scatenare la zuffa sarebbe stato un tentativo di truffa da parte di due giovani sinti nei confronti di alcuni stranieri che, una volta notato l'inganno, hanno immediatamente aggredito verbalmente le due ragazze che, per fuggire all'ira dei giovani nigeriani, si sono presto nascoste dentro un'attività commerciale nelle vicinanze, dalla quale hanno poi avvertito amici e parenti di quello che stava accadendo. A quel punto, sul luogo del diverbio, sono in breve arrivati ulteriori sinti che si sono subito azzuffati col il gruppo di africani e, secondo alcuni testimoni, sarebbe volato anche qualche pugno. All'arrivo però di diverse gazzelle dei carabinieri c'è stato un fuggi fuggi generale, ma una dozzina di persone è stata comunque fermata e poi portata in caserma. Solo però nelle prossime ore si potrà capire se verso i convolti verrà aperta un'indagine o se sarà bastata una ramanzina generale a calmare gli animi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento