«La ricerca lascia aperta la porta alla speranza»

A spiegarlo è Marco Molinari, direttore dell'Unità di Neuroriabilitazione e Centro Spinale della Fondazione Santa Lucia Irccs

Manuel Bortuzzo con il padre Franco

Mentre le indagini sul ferimento nei confronti della promessa del nuoto Manuel Bortuzzo hanno subito una svolta, gli studi per valutare una possibilità di ripresa dopo una paralisi "stanno uscendo dal laboratorio per entrare in corsia". A spiegarlo all'Adnkronos Salute è Marco Molinari, direttore dell'Unità di Neuroriabilitazione e Centro Spinale della Fondazione Santa Lucia Irccs, che avverte: «Attualmente non ci sono terapia validate per il recupero di una lesione completa del midollo come quella riscontrata a Manuel, ma la ricerca lascia aperta la porta alla speranza». Una speranza collegata in particolare a due metodi per la stimolazione del midollo e a un nuovo farmaco sperimentale, che sarà testato anche in Italia.

«La ricerca tecnologica e neurologica sta arrivando alla fase di sperimentazione sull'uomo - continua Molinari - In particolare ci sono due gruppi, uno europeo e uno americano, impegnati in questo campo. Si sta testando una stimolazione elettrica personalizzata di aree del midollo per agire sui 'circuiti' danneggiati, e rimetterli in grado di funzionale in modo corretto. In particolare, il gruppo svizzero di Grégoire Courtine (Chuv) ha mostrato risultati importanti sugli animali e, di recente, anche su un piccolo gruppo di pazienti con lesione midollare incompleta: sono stati in grado di controllare i muscoli delle gambe precedentemente paralizzati. Un approccio simile è quello che sta sperimentando il gruppo di Susan Harken negli Usa, questa volta su pazienti con lesione completa, come quella riscontrata nel giovane nuotatore italiano».

«I trial sono iniziali, ma è stato registrato un certo grado di recupero di alcuni muscoli che da anni non si potevano controllare. Tutto questo ci dice - spiega l'esperto - che pur in assenza di terapie validate, al momento dalla ricerca arriva un messaggio importante». Ma non è tutto: c'è anche un nuovo medicinale sperimentale che sembra promettente. «Una ricerca europea multicentrica, coordinata dall'Università di Zurigo e di cui fa parte anche l'Italia, ha identificato una proteina che blocca la rigenerazione neuronale: la proteina Nogo. Il gruppo intende testare un anticorpo anti-proteina Nogo»: mirato a contrastarla e riattivare la rigenerazione. «In Svizzera ad aprile - continua Molinari - il farmaco sperimentale sarà iniettato con una puntura lombare in pazienti con lesione cervicale anche completa, per verificarne gli effetti. Dello studio multicentrico fa parte anche il Santa Lucia, che inizierà l'arruolamento dei pazienti probabilmente dopo l'estate». Purtroppo il caso di Manuel «non rientra fra quelli candidabili, perché la lesione non è cervicale. Ma il messaggio che arriva dalla ricerca è chiaro: non c'è ancora una terapia, ma c'è una speranza».

PRIMA NOTTE IN CELLA PER MARINELLI E BAZZANO Hanno passato la notte in isolamento nel carcere di Regina Coeli Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, i due giovani fermati per il ferimento di  Manuel Bortuzzo, il nuotatore raggiunto da un colpo di pistola al fianco la notte tra sabato e domenica scorsi in piazza Eschilo, all'Axa. I due, fermati per tentato omicidio e per porto abusivo di arma, sono ora in attesa dell'interrogatorio di convalida.

Non sarà sciolta oggi la prognosi su Manuel Bortuzzo, promessa del nuoto per le Fiamme Gialle, ferito a colpi di pistola nella notte tra sabato e domenica all'Axa. E' quanto riferiscono fonti sanitarie all'Adnkronos. Il giovane e' al momento ricoverato in terapia intensiva presso l'ospedale San Camillo ed e' ancora attaccato ai 'drenaggi'. Secondo quanto si apprende, è infatti proprio l'attuale esigenza di 'drenaggio' a rendere impossibile il suo trasferimento in una struttura di riabilitazione. La prognosi sarà infatti sciolta solo quando Manuel non dovrà più essere drenato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ringrazio le forze dell'ordine, i due delinquenti si sono presentati in Questura perchè sapevano che di li a poco li avrebbero beccati, non perchè pentiti. Un abbraccio a Manuel e alla sua famiglia, gli saremo vicini in ogni modo". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, sulla vicenda del ferimento a Roma di Manuel Bortuzzo, sottolineando poi che il tema della sicurezza riguarda "non solo Roma ma tutta l'Italia" e rivendicando una riduzione del numero di reati. Sullo specifico di Roma il ministro ha invece affermato che esiste "un problema di gestione, manutenzione quotidiana" della città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Laurea in Medicina a Treviso: Governo impugna la legge del Veneto

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Apre a Oderzo il Würth Store, negozio con oltre 5 mila prodotti professionali

  • A 25 anni rileva un ristorante e apre una pizzeria per giovani e famiglie

  • Malore fatale mentre è a casa dell'amico, muore a 23 anni

  • Ricerche sui terremoti, trevigiano premiato dall’ETH di Zurigo

Torna su
TrevisoToday è in caricamento