Tragedia sul lavoro, muore schiacciato da un braccio meccanico

Incidente nella prima mattinata alla "3B" di Salgareda, in via delle Industrie. A perdere la vita un kossovaro di 44 anni, Shpejtim Gashi: viveva con la famiglia a Ponte di Piave. L'attività dell'azienda è stata interrotta in segno di lutto

SALGAREDA Tragedia del lavoro all'interno del mobilificio "3B" di Salgareda, in via delle Industrie, nella primissima mattinata di oggi (6.17 circa), lunedì. Un operaio kossovaro di 44 anni, Shpejtim Gashi, è morto, schiacciato da un braccio meccanico robotizzato a cui stava lavorando. Sul posto, dopo l'allarme lanciato dai colleghi della vittima, sono giunti i vigili del fuoco e gli infermieri del Suem 118 che non hanno potuto far altro che constatare la morte dell'operaio. Per gli accertamenti del caso giunti i carabinieri e i tecnici del nucleo Spisal dell'Ulss 2. Shpejtim Gashi viveva con la famiglia, moglie e tre figli, a Ponte di Piave in via sotto Treviso. L'azienda ha immediatamente interrotto l'attività in segno di lutto.

"Con profondo dolore 3B e la famiglia Bergamo -si legge in una nota emessa dall'azienda- confermano che questa mattina nella propria sede di Salgaredasi è verificato un incidente mortale che ha coinvolto il nostro dipendente, Shpejtim Gashi. Sono in corso da parte delle autorità competenti e dell'azienda le indagini per ricostruire le cause del tragico evento e per determinare i motivi dell'incidente. Sul posto sono intervenuti immediatamente il 11, i carabinieri e le autorità competenti. L'azienda assicura massima collaborazione agli organi ispettivi e alla magistratura per accertare le cause di questo infortunio. 3B è impegnata nell'assicurare condizioni di sicurezza in azienda anche oltre il rispetto delle norma di legge e questo grave incidente,  al di là dell'accertamento delle responsabilità, rende ancora più stringente continuare questo impegno, da parte dell'azienda e di tutti i suoi collaboratori. I vertici aziendali, in segno di lutto, anche in accordo con le RSU e le organizzazioni sindacali che sono già state incontrate, hanno interrotto le attività per la giornata di oggi. L'intera azienda esprime profondo cordoglio e vicinanza alla famiglia del Sig. Shpejtim Gashi e a tutti i suoi cari".

I sindacati: “Necessaria la formazione continua dei lavoratori”. Schiacciato da un robot. È morto così, poco dopo le 6 di questa mattina, lunedì 27 agosto, Shpejtim Gashi, dipendente della 3B di Salgareda, azienda leader nella produzione di pannelli di legno. 44 anni, sposato, con tre figli, di origini kosovare e residenza a Ponte di Piave, Gashi era un operaio specializzato, capomacchina, con 20 anni di esperienza in azienda. L’incidente è avvenuto a inizio turno, poco dopo le 6. Rsu, organizzazioni sindacali e direzione aziendale si sono riunite nel corso della mattinata e hanno concordato di sospendere  l’attività della 3B per tutta la giornata. “Non si può morire così, nel primo giorno di lavoro al rientro dalle ferie - affermano Marco Potente e Mauro Visentin, segretari generali rispettivamente di Filca Cisl Belluno Treviso e Fillea Cgil Treviso -. Siamo vicini alla famiglia del lavoratore e a tutti i suoi colleghi, sconvolti per quanto accaduto. Gashi era un lavoratore esperto, che conosceva bene la macchina su cui lavorava. Da una prima ricostruzione, è emerso che si trovava in una zona interdetta, ma saranno gli organi ispettivi e la Magistratura ad accertare la precisa dinamica dell’incidente e le eventuali responsabilità. Noi, come organizzazioni sindacali, rilanciamo con forza la necessità della formazione continua dei lavoratori sulle tematiche inerenti la sicurezza, perché può succedere che l’esperienza porti ad un abbassamento dei livelli di attenzione e della percezione del rischio, soprattutto se si svolge un’attività da tanti anni e non è mai accaduto nulla”. Allo stesso tempo, le organizzazioni sindacali ricordano che “3B è un’azienda in cui si lavora e si produce molto, con doppi turni e straordinari, per la necessità di far fronte ai tanti ordini e alla velocità di consegna”. “Agli operai è stato richiesto un importante impegno in termini di ore lavorative - sottolineano Potente e Visentin -, per questo all’inizio dell’anno abbiamo avviato una campagna di sensibilizzazione dei lavoratori sulla sicurezza e l’importanza dell’attenzione, organizzando un’assemblea ad hoc, chiedendo ai dipendenti di denunciare situazioni di rischio, di prestare maggiore attenzione durante lo svolgimento del lavoro e spingendo l’azienda ad introdurre turnazioni di lavoro più leggere”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I segni evidenti di calo glicemico

  • Il piede diabetico: cure e trattamenti

  • Vince 20mila euro al Lotto e offre il caffè a tutto il bar

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: fiere e mercatini accendono l'autunno

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Malore dopo lo spinello: la causa della morte non è stato il trauma cranico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento