Anziano colpito da un arresto cardiaco in ospedale: i medici gli salvano la vita

La Direzione Generale dell'Ulss 2 ha voluto ringraziare il personale del reparto di Neurologia a Castelfranco Veneto per aver salvato la vita di un anziano nel pomeriggio di domenica

CASTELFRANCO VENETO La direzione generale dell’Ulss 2 Marca Trevigiana ha voluto esprimere nelle scorse ore tutta la sua soddisfazione e gratitudine al personale che domenica scorsa, presso l’Ospedale San Giacomo di Castelfranco Veneto, ha soccorso una persona anziana in stato di grave necessità. Il fatto è accaduto nel pomeriggio nel reparto di Neurologia nel corso dell’orario di visite quando un 73enne, parente di un paziente, si è accasciato al suolo incosciente dopo essere stato colto da una grave insufficienza respiratoria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I tempi di reazione sono stati istantanei. Subito due infermieri e un operatore sanitario sono intervenuti con un massaggio cardiaco e l’adeguata ventilazione, poi raggiunti da un medico anestesista allertato tempestivamente. Con l’intervento del defibrillatore è stato immediatamente risolto l’arresto cardiaco. La persona è stata ricoverata in rianimazione. Ora è in terapia intensiva. “Per chi fa della sanità la propria ragione di vita ogni giorno vivono con estrema normalità dei gesti eroici e ricchi non solo di professionalità, ma anche di umanità. Ogni giorno possiamo ringraziare queste persone per come compiono il loro lavoro  – sottolinea il direttore generale Francesco Benazzi – Voglio però permettermi di ringraziare di cuore, nel caso specifico, il personale della Neurologia di Castelfranco Veneto diretta dal dottor Giuseppe Maccarone e per la parte infermieristica coordinata da Cesarina Bacchion, per l’episodio di domenica scorsa. mi piace sottolineare con orgoglio la valenza e la buona riuscita dell’intervento del dottor Bruno Dengo e del personale infermieristico e sanitario intervenuto nelle persone di Beatrice Marisa Zago, Nadia Pegoraro e Maria Turbian. Grazie”. Parole piene di gratitudine per l'ennesimo servizio efficiente svolto dal personale medico della provincia di Treviso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Supermercato troppo affollato, scatta la chiusura per cinque giorni

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • Coronavirus: sette morti nella Marca, cinquanta in terapia intensiva

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

  • Istruttore del Cai e lavoratore in cantina: Samuele muore a 44 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento