Scomparsa di Marianna Cendron: nuove ispezioni nei terreni della castellana

Rinviata a fine settembre l'archiviazione del caso della 20enne di Paese di cui non si hanno più notizie dal 27 febbraio 2013: per la Procura è stata comunque una fuga volontaria

PAESE L'indagine sulla scomparsa di Marianna Cendron non è ancora chiusa. Il pm Massimo De Bortoli, dopo aver chiesto l'archiviazione del caso a cui i genitori della 20enne si sono opposti, ha presentato al gip l'ultima richiesta di effettuare ulteriori ispezioni su alcuni terreni della castellana che finora non erano stati controllati per essere certo di aver fatto tutto il possibile per ritrovare la giovane, svanita nel nulla il 27 febbraio 2013.

Gli ulteriori accertamenti sul campo verranno effettuati dai carabinieri, dai vigili del fuoco e dalla protezione civile: l'obiettivo è quello di scandagliare ogni metro quadrato di quei terreni. La speranza è quella di non trovare nulla per avvalorare la tesi che la 20enne di Paese, scomparsa al termine del proprio turno di lavoro al golf club di Salvarosa, abbia deciso di allontanarsi da casa per rifarsi una vita altrove.

Nel frattempo gli inquirenti, come richiesto dai genitori di Mary, Pierfrancesco ed Emilia Cendron, hanno risentito i principali testimoni della vicenda (tra cui Renzo Curtolo, il vicino di casa che ospitava Marianna nei mesi antecedenti alla scomparsa, e l'allora fidanzato della ragazza), e rianalizzato i tabulati telefonici sia della 20enne che delle persone a lei più vicine (secondo i legali della famiglia, gli avvocati Stefano Tigana e Piero Coluccio, esisterebbero infatti numerose contraddizioni tra quanto dichiarato da alcuni e la loro posizione rilevata dalle celle telefoniche).

L'ultima richiesta della famiglia era appunto quella di rilanciare le ricerche in siti finora mai presi in considerazione. Richiesta che è stata accolta dalla Procura che ha appunto disposto il nuovo monitoraggio che verrà effettuato in collaborazione con la Prefettura di Treviso. La prossima udienza, per portare di fronte al gip Umberto Donà i risultati, è stata fissata per il prossimo 27 settembre, giorno in cui si deciderà se archiviare il fascicolo o se disporre nuove indagini.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Incubo finito, Letizia rintracciata a Piacenza

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Lego in mostra a Treviso: migliaia di mattoncini per una città ecosostenibile

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

Torna su
TrevisoToday è in caricamento