Addio a Giacomino Bubola, era il "Comandante dei Rangers"

Durante gli anni 70’ infatti è tra i primi ad aderire al neonato gruppo dei “Rangers d’Italia” che all’epoca fonda nel 1973 la propria sede nazionale nella vicina Padova

SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA I Rangers dell’Associazione “Volontari d’Europa” si raccolgono per dare l’ultimo saluto al loro “membro anziano” Giacomino. Nel Quartier del Piave da tutti conosciuto come il “Comandante dei Rangers” è stato il fondatore dei Rangers nella Provincia di Treviso. Durante gli anni 70’ infatti è tra i primi ad aderire al neonato gruppo dei “Rangers d’Italia” che all’epoca fonda nel 1973 la propria sede nazionale nella vicina Padova. I “Rangers d’Italia” nascono dall’unione di individui dalla spiccata sensibilità per la tutela dell’ambiente e la protezione degli animali accomunati dall’amore per il cavallo, fedele amico con il quale pattugliano i loro territori. Giacomino ha girato in lungo e in largo il nostro Quartier del Piave e il Monte Cesen a cavallo con indosso la propria uniforme che custodiva con orgoglio. Oltre alla divisa operativa, amava in particolar modo vestire la giubba rossa, l’alta uniforme per le grandi occasioni, come nel 2003 quando Giacomino ha presieduto alla visita del Presidente della Repubblica Ciampi presso l’”Isola dei Morti” a Moriago della Battaglia.

Negli anni Giacomino ha sempre coltivato la propria passione per i cavalli fino a pochi anni fa, occupandosi, per citarne alcuni, di: Gipsy, Magnalegue, Isi. Nella sua lunga carriera di Ranger ha avviato all’equitazione trasmettendo la propria passione al cavallo alle giovani leve tanto che attualmente l’Associazione “Volontari d’Europa” possiede due cavalli: Escorial e Maggie con i quali sono state formate le “Guide Turistiche Equestri” in seno al nucleo dei Rangers. Fulcro dell’operatività dei nuovi Rangers che continuano l’opera da lui intrapresa, Giacomino sarà sempre esempio per i giovani volontari che si cimentano in questa attività delicata, cioè, quello di cercare di educare al rispetto della natura anziché reprimere sanzionando i comportamenti scorretti che vengono perpetrati a danno del nostro territorio. Giacomino era solito infatti ammonire le condotte improprie con un rimprovero piuttosto che perseguirle a tutti i costi anche se talvolta non sempre raccoglieva consenso da parte di quei soggetti che non coglievano l’opportunità e l’importanza dei preziosi consigli ricevuti. Giacomino dopo aver militato nei “Rangers d’Italia” per una trentina d’anni ha costituito il gruppo dei “Rangers Europa” in Veneto insieme all’attuale staff che nel tempo si è costituito localmente come nucleo dei Rangers “Volontari d’Europa” con sede a Sernaglia della Battaglia, organizzazione che ha da poco varcato i dieci anni di attività dalla sua fondazione e che attualmente raggruppa tutti i Rangers sparsi per tutta la Marca trevigiana contando una ventina di appartenenti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la Ferrari del papà il figlio di mister Nice

  • Camionista trovato morto nel parcheggio del centro commerciale Arsenale

  • Lutto nel mondo del Prosecco: Orfeo Varaschin muore a 50 anni

  • Autotreno pieno di ghiaia si ribalta in strada: traffico in tilt

  • Camper sbanda e distrugge una balaustra del ponte di Vidor: gravi disagi al traffico

  • Fondi di caffè: non gettarli, ti sorprenderanno!

Torna su
TrevisoToday è in caricamento