Sesso con la vicina tredicenne: nei guai anche una donna

Nuovi dettagli sulla vicenda condotta dalla Procura di Treviso. La ragazzina abusata ha confessato che agli incontri hard avrebbe partecipato una collega dei fratelli indagati

Si complica la vicenda giudiziaria sugli abusi sessuali ai danni di una ragazzina trevigiana di soli 13 anni. Nel mirino della Procura di Treviso, nelle scorse ore, erano finiti due fratelli (un fisioterapista e un ragazzo appena ventenne) che, secondo la ragazzina loro vicina di casa, sarebbero stati i responsabili degli abusi scoperti dalla madre della giovane.

Ora però, come riportato da "La Tribuna di Treviso", nuovi dettagli si sono aggiunti a una vicenda già di per sé molto complessa. Sembra infatti che di recente la tredicenne abbia prima minimizzato il ruolo del fratello minore del fisioterapista, indagato per atti sessuali con minorenne e violenza sessuale. Durante l'incidente probatorio la ragazzina avrebbe però confessato che, agli incontri hard nella casa del fisioterapista, avrebbe preso parte anche una donna, collega di uno dei due fratelli. Il suo ruolo è ancora tutto da chiarire ma quel che è certo è che la Procura di Treviso sembra intenzionata ad approfondire le indagini per chiarire la posizione di questa nuova donna chiamata in causa. Se le accuse della tredicenne dovessero rivelarsi fondate, la vicenda giudiziaria inizierebbe ad assumere toni sempre più torbidi e complessi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Schianto contro un camion, dichiarata la morte cerebrale del 17enne

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

  • La ghiacciaia: il bistrot realizzato in un bunker della Grande Guerra

  • Esplode una granata nel garage di casa, 19enne trasportato in ospedale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento