Camalò, la maestra rimprovera gli studenti: "Siete degli sfigati"

La frase sarebbe uscita durante le lezioni mentre alcuni alunni stavano colorando il disegno di un albero di Natale invece di passare all'esercizio successivo

POVEGLIANO I bambini continuano a colorare un albero di natale e la maestra gli dà degli "sfigati". E' successo qualche giorno fa alla scuola elementare Mario Fiore di Camalò di Povegliano - come riporta "La Tribuna di Treviso" . Parrebbe appunto che durante le lezioni alcuni alunni stessero colorando il disegno di un albero di Natale, così come da compito indicato dalla maestra, ma al posto di passare all'esercizio successivo si fossero soffermati un po' troppo sul decorare questo albero.

"Siete uno sfigato e una sfigata". Questa la frase di rimprovero dell'insegnante per non essere passati all'esercizio successivo, secondo quanto riportato da alcuni genitori degli studenti. Questa situazione è stata quindi confermata da più voci dei bambini, che hanno riportato il fatto a casa davanti ai genitori. La palla è rimbalzata subito alla preside della scuola, che è stata subito informata dell'accaduto. La dirigente non ne sapeva nulla e ha dichiarato di verificare la questione interna alla scuola. I genitori e i bambini però attendono delle scuse dalla maestra, soprattutto in vista del Natale.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento