Sit in degli attivisti del collettivo Ztl davanti alla Prefettura di Treviso

Dopo lo sgombero avvenuto all'alba di martedì i ragazzi si sono spostati in piazza dei Signori: "Torneremo". E il sindaco risponde via Twitter

In foto gli attivisti davanti alla Prefettura (Fonte Facebook)

Sit in degli attivisti del collettivo Ztl Wake Up in piazza dei Signori a Treviso davanti alla Prefettura. La pioggia non li ha fermati, si sono mossi insieme dopo lo sgombero della caserma Salsa avvenuto martedì all'alba. I ragazzi, una ventina di loro denunciati dal Demanio, avevano occupato lo stabile una decina di giorni fa dopo l'insediamento avvenuto poche settimane prima all'ex Telecom di via Dandolo. 

Nonostante l'invito da parte del sindaco di Treviso Giovanni Manildo che li aveva pregati di andarsene, gli attivisti sono rimasti: "La Salsa è un bene comune, torneremo", hanno annunciato. Il primo cittadino ha commentato la vicenda anche su Twitter: "Sgomberi no soluzione ma pongono altri problemi: per questo avevo chiesto ai ragazzi di lasciare spontaneamente lo stabile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

Torna su
TrevisoToday è in caricamento