Salta lo sgombero, Ztl resiste: faccia a faccia con Manildo

A un giorno dall'occupazione arriva lo sgombero che, pare, abbia lasciato spazio a una trattativa col sindaco di Treviso

Foto Global Projesct

A un giorno dall'occupazione arriva lo sgombero. E' quanto accade sabato mattina all'ex sede Filt Cgil di Treviso, nei pressi della stazione ferroviaria, stabile occupato dagli attivisti del collettivo Ztl all'alba di venerdì. Il sindaco Giovanni Manildo, all'ennesima occupazione, aveva già annunciato la linea dura da parte del Comune, proprietario dell'immobile. 

Secondo quanto appreso finora, pare che il sindaco Manildo abbia cercato di trovare un accordo con i ragazzi che annunciano: "Ex Filt riaperta. Lottiamo". 

Si tratta della decima occupazione da parte del gruppo. L'ultima risale a qualche settimana fa all'ex caserma Salsa di Treviso. i ragazzi erano rimasti qualche giorno, poi lo sgombero e gli scontri davanti alla Prefettura. Dopo il blitz delle forze dell'ordine il collettivo aveva organizzato un sit in in piazza dei Signori, terminato con qualche momento di tensione con gli agenti di polizia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Diabete e retinopatia, il prof. Bandello: "Siamo all'avanguardia, ma ancora pochi screening"

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

  • Attacco cardiaco porta via alla vita Maria Fernanda, giovane mamma 31enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento