Sicurezza in Città, una petizione popolare per salvare via Pescatori

Una raccolta firme per chiedere la messa in sicurezza dell'intera zona compresa tra via Pescatori, vicolo Pescatori e via Fiumicelli. Destinazione della petizione: Ca' Sugana

TREVISO "Noi sottoscritti liberi cittadini residenti e commercianti della zona compresa tra via Pescatori, vicolo Pescatori e via Lodovico Fiumicelli, con la seguente raccolta firme siamo a chiedere all'Amministrazione comunale di Treviso un intervento rapido e puntuale per la messa in sicurezza dell'intera area dal punto di vista della sicurezza, della videosorveglianza, dell'illuminazione e del decoro urbano". ' quanto si legge nel testo di una petizione popolare, portata avanti dal consigliere d'opposizione Davide Acampora e dai molti commercianti della zona. Destinazione Ca' Sugana.

"Come già segnalato più volte a codesta Amministrazione - continua la petizione - e al Comando Vigili Urbani attraverso diverse comunicazioni, la situazione è insostenibile e impedisce una qualità della vita che possa definirsi "normale". In particolare, chiediamo di risolvere le seguenti problematiche: per quel che concerne la sicurezza si segnala continuamente la presenza di soggetti stranieri dal comportamento palesemente equivoco che sostano tutto il giorno nella zona in attesa di "clienti" e, soprattutto nelle ore serali, la presenza di costanti assembramenti di "ragazzi" perdigiorno che disturbano il vicinato con schiamazzi e improvvise urla, vistosamente sotto effetto di stupefacenti e alcol; quest'ultimi, molto spesso collassano a terra e ci costringono a chiamare l'ambulanza. Questa situazione provoca enorme preoccupazione e paura obbligando noi residenti e commercianti a vivere in un clima di costante allerta con il timore per noi stessi e per i nostri Cari. Risulta quindi di fondamentale importanza l'installazione di un sistema di telecamere pubbliche su tutta l'area, direttamente collegate con le forze dell'ordine".

"Riguardo - affermano i firmatari della petizione - all'igiene e decoro urbano si segnala che i sopracitati "ragazzi", oltre a disturbare il vicinato come conseguenza degli effetti di alcool e stupefacenti, lordando l'area anche con residui biologici, cartacce, lattine, mozziconi etc. Per quanto concerne l'illuminazione, si chiede un tempestivo intervento di ammodernando dell'attuale tecnologia (caratteristica degli anni sessanta/settanta) con un'altra più efficiente e meno costosa a led, indispensabile per una migliore visibilità notturna".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Terzo punto è la svalutazione degli immobili e del lavoro, si legge nella petizione: "Infine, è evidente che questa situazione di costante degrado non solo causa una svalutazione degli immobili, ma va a influenzare la clientela degli esercizi commerciali creando un danno economico dalle proporzioni inimmaginabili. Per tutti noi residenti della zona, risolvere le suddette problematiche è di fondamentale importanza; pertanto ci auguriamo che codesta Amministrazione si adoperi quanto prima per dare seguito alle istanze espresse dai sottoscritti cittadini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento