Amianto? No grazie: giovedì sit-in di protesta a Paese

Dopo l'allarme lanciato dall'onorevole Andrea Zanoni, l'associazione ambientalista "Paeseambiente" annuncia un sit-in di protesta contro la nuova discarica "Terra" a Paese

Giovedì 17 maggio 2012, alle 20.30, è prevista la presentazione del progetto della nuova discarica "Terra", tra Castagnole e Porcellago. Il gruppo ambientalista "Paeseambiente" non ci sta e ha organizzato un sit-in di protesta per fermare l'amianto in arrivo nella zona.

La ditta Mosole, che gestisce il progetto, ha chiesto infatti di poter far arrivare altri 460.000 metri cubi di amianto, oltre a quelli già confluiti tra il 2005 e il 2006, alla discarica di Paese. Il progetto verrà presentato al multisala "Manzoni" di via Battisti e gli attivisti di "Paeseambiente" si riuniranno proprio lì, mezz'ora prima dell'incontro, scandendo lo slogan “Fermiamo l’incubo amianto”.

“Chi sta a guardare ha grosse responsabilità anche verso i propri figli e le generazioni future - accusano gli attivisti di "Paeseambiente" - Le esperienze dei gravi inquinamenti in corso nelle altre discariche del comune dovrebbero mobilitare tutte le persone di buon senso”.

L'invito di "Paeseambiente" ad unirsi alla protesta è rivolto a tutti, cittadini di Paese e non, per difendere non solo l'ambiente ma soprattutto la salute.

Già nel 2006 l'associazione ambientalista si è schierata contro il progetto della discarica "Terra". Dopo una lunga battaglia, sostenuta dall’Amministrazione Comunale allora in carica, il Consiglio di Stato aveva bloccato il conferimento di amianto nella ex-cava di via Toti. Ma nel 2009, spiega "Paeseambiente", la Provincia di Treviso con il decreto 616/2009 ha autorizzato Terra Srl ad avviare, nello stesso luogo, lo scarico per dieci anni di terre provenienti da siti contaminati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora la ditta Mosole ci riprova, chiedendo alla Regione e al presidente Luca Zaia di poter riprendere l'attività sospesa e far confluire nel territorio di Paese migliaia di metri cubi di amianto, proveniente da tutta Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento