Soccorso alpino Prealpi Trevigiane: si festeggiano i 10 anni di storia

Dalla prima fondazione nel 2005 ad oggi tanti sono stati i cambiamenti, ma sempre è rimasto lo spirito di aiuto che contraddistingue la stazione

Un momento della giornata

REVINE LAGO Il soccorso alpino delle Prealpi Trevigiane, la stazione più giovane del soccorso alpino Dolomiti Bellunesi, ha festeggiato in questi giorni i 10 anni dalla sua fondazione. Nelle parole del capo Giorgio Follin e del vicecapo Dario Sala, è stato ripercorso l'iter che portò alla sua istituzione, ufficiale nel gennaio 2005, anche se i suoi componenti in realtà hanno affrontato il percorso formativo già nei tre anni precedenti.

Una ventina di interventi l'anno su un territorio che va da Fener fino al Cansiglio, in aiuto di persone in difficoltà in ambiente impervio, montano, come collinare. Nella sala del Parco archeologico didattico del Livelet, di fronte ai 22 volontari della stazione, ai colleghi di quelle contermini e più distanti, ai rappresentanti delle forze dell'ordine che collaborano nelle emergenze, vigili del fuoco, carabinieri, associazioni di protezione civile, sono stati ricordati i punti salienti dei 10 anni, gli ambiti operativi, la costante formazione, l'importanza dei nuovi aspiranti. Erano presenti l'assessore regionale alla Protezione civile Gianpaolo Bottacin, che ha portato il suo saluto e quello del presidente Zaia, il sindaco e il vicesindaco di Vittorio Veneto, Angelo Devich, tra i fondatori della stazione, e i vicedelegati del soccorso alpino Dolomiti Bellunesi Mariano De Mattia e Alex Barattin.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

Torna su
TrevisoToday è in caricamento