Sole Luna Doc Film Festival: il programma degli eventi

Dal 14 al 20 settembre al museo di Santa Caterina e al palazzo dei Trecento torna l'iniziativa internazionale a ingresso libero

TREVISO Dopo il successo della prima edizione nel 2014 e l’importante riconoscimento della medaglia ufficiale ricevuta solo un mese fa dal Presidente della Repubblica, ritorna dal 14 al 20 settembre il Sole Luna Treviso Doc Film Festival, confermandosi come uno degli eventi più importanti dell’Estate Trevigiana e della regione Veneto. Ideato da Lucia Gotti Venturato con l'associazione Sole Luna – Un ponte tra le culture per creare spazi e occasioni di dialogo e confronto, per avvicinare popoli e generazioni, per raccontare con le immagini storie sconosciute di paesi vicini e lontani, e per educare al rispetto dell’alterità e al dialogo tra culture diverse, il festival Sole Luna dà appuntamento al pubblico di Treviso, nelle prestigiose sedi del complesso di Santa Caterina e del Palazzo dei Trecento, messe a disposizione dall'amministrazione comunale.

CONCORSO NAZIONALE DOCUMENTARI L’edizione di quest’anno, che conferma la presidenza di Lucia Gotti Venturato e la direzione artistica dei giovani filmmaker Chiara Andrich e Andrea Mura, propone nuovamente al pubblico il concorso internazionale di documentari con una ricca selezione di opere da tutto il mondo: ben 32 tra cortometraggi e lungometraggi, provenienti da Giappone, Ecuador, Svizzera, Francia, Spagna, Estonia, Belgio, Germania, Austria, Svezia, Israele, Iran, Congo, Burkina Faso e, certamente, Italia, a riprova che la vitalità e sensibilità di sguardo appartengono a qualsiasi latitudine. I premi Sono quattro i riconoscimenti che compongono il palmarès: Premio Città di Treviso al Miglior Lungometraggio, assegnato da una giuria che somma la presenza di personalità della cultura del territorio trevigiano – Tobia Scarpa, Cristina Cason, Roberto Cortellazzo Wiel, Paola Di Giuseppe, Nicola Tognana; Premio al Miglior Cortometraggio assegnato dagli studenti del Liceo Artistico di Treviso coordinati dal prof. Guido Marchesini; Premio “Soundrivemotion” alla Miglior Colonna Sonora, in collaborazione con la omonima startup trevigiana, conferito da Giovanni Schievano, Simone Chivilò, Stefano Trevisi, Bob Benozzo, Silvia Gorgi; Premio del Pubblico.

I TEMI DEI FILM Come da vocazione del Sole Luna Doc Film Festival, i temi dei film sono di bruciante attualità: dai conflitti politici della contemporaneità in Libia ai diritti violati degli indios in Guatemala, dalla vita di un villaggio in Burkina Faso alla frenesia di Las Vegas, dalle maternità surrogate in India alle lezioni di lingua farsi in Belgio, fino all’immigrazione in Italia, questione cruciale imprescindibile in regione. Fil rouge che connette ciascuna opera all'altra è l'identità culturale, intesa in ogni sua valenza, ma soprattutto come filtro e prospettiva per una rinnovata riflessione sul divario tra passato e presente, sulle possibilità di un dialogo con il diverso, sulla perdita e la sofferenza ma anche sull'arricchimento e la crescita che possono generarsi dall'incontro con l'altro. Il programma cinematografico del festival si arricchisce inoltre di uno speciale focus composto da 5 cortometraggi realizzati da filmmaker sudamericani non professionisti reso possibile dalla collaborazione con l’associazione messicana no profit e progetto di formazione audiovisiva Ambulante Más Allá, ideata dall'attore Gael García Bernal con l'intento di “democratizzare la cultura del documentario”.
NON SOLO CINEMA Oltre il cinema, il Sole Luna Treviso Doc Film Festival ha in programma, Sala Ipogea del Museo di Santa Caterina, dal 14 al 20 settembre, una mostra fotografica, dal titolo Faith, dell’artista Mauro Romanzi, sui luoghi di culto “altri” di Treviso e dei suoi dintorni. Un’installazione video che proietterà in loop video-art, documentari e interventi significativi tratti dagli atti del convegno “Bridging Freedom”, realizzato dall’associazione Sole Luna nel 2011. Presso la Sala Consiliare del Palazzo dei Trecento, messa a disposizione del Comune di Treviso nelle giornate del 18 e 19 settembre, Sole Luna avrà inoltre il pregio e l'onore di ospitare il convegno “Libertà di pensiero e di religione: quali limiti al progresso sociale, economico e culturale?”, organizzato dal Comitato interministeriale per i Diritti Umani del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale alla presenza di numerose personalità della mondo religioso internazionale e del Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Senatore Benedetto Della Vedova, e di Adama Dieng, Special Adviser del Segretario Generale delle Nazioni Unite per la prevenzione del genocidio. Si ricorda inoltre che nella settimana del Festival, la città di Treviso sarà la sede europea del Forum sul ruolo dei leader religiosi nella prevenzione all’incitamento a crimini atroci, promossi e coordinati dall’Ufficio delle Nazioni Unite sulla prevenzione del genocidio e la responsabilità di proteggere. A porte chiuse, l'evento avrà luogo nella Sala Consiliare del Palazzo dei Trecento il 17 e 18 settembre.  Tra gli eventi speciali del festival, anche gli appuntamenti musicali: di apertura, lunedì 14 settembre, nel Chiostro Maggiore dell'Auditorium Santa Caterina con l'Orchestra da camera della Roggia diretta dal maestro Alberto Vianello e composta da giovani musicisti del Veneto, e di chiusura, il 20 settembre, presso l'Isola della pescheria, con “Il Viaggio di Giuseppantonio da Napoli a Marsiglia”, recital musicale di Ambrogio Sparagna con Valentina Ferraiuolo ed Erasmo Treglia. Inoltre, l'omaggio all'autore e cineasta padovano, Carlo Mazzacurati, il 16 settembre nella Sala Clara Rosso Coletti del Chiostro Minore, con la presentazione del libro “Carlo Mazzacurati” a cura di Antonio Costa e a seguire la proiezione di “Ritratti - Andrea Zanzotto” di Carlo Mazzacurati. Sul grande schermo di Sole Luna troveranno spazio anche i video di 30 secondi finalisti del Video contest Smartdoc Sharing Food realizzati con gli smartphone. Non da ultimo, il programma del Festival prevede anche il workshop di cinema documentario promosso da Offi-Cine Veneto dal titolo “Uno sguardo sulla realtà”, condotto dal regista padovano Alessandro Rossetto, già autore del lungometraggio “Piccola patria”. 

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Ciclismo trevigiano in lutto: Christian Cigaia perde la vita a soli 47 anni

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Schianto frontale tra camion e auto sulla Postumia, muore 60enne

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento