Da Spalato con gli studenti del Liceo Levi di Montebelluna per conoscere l’Italia e il Veneto

15 studenti croati del Liceo Linguistico Gimnazija e altrettanti del Liceo Classico trevigiano hanno celebrato la prima fase del loro gemellaggio. Un incontro all’insegna della cultura e della storia europea

MONTEBELLUNA "Quello che un tempo era un muro diventerà un ponte per ricostruire la storia e per progettare il futuro dell’Europa. La distanza non solo fisica ma anche storica tra Italia e Croazia per una settimana sarà annullata". Questo era il senso profondo dello scambio culturale che dall'8 ottobre scorso il Liceo Classico Levi di Montebelluna ha celebrato con il Liceo Linguistico Gimnazja di Spalato. Per il Liceo Levi hanno partecipato, coordinati dalla professoressa Marica Longano, gli allievi della classe III Classico. Gli studenti croati studiano anche l’italiano, ma la lingua veicolare è stato l’inglese che entrambi i gruppi conoscono bene.

Gli studenti croati con i loro docenti sono arrivati nella serata di domenica 8 ottobre e sono stati accolti dalle famiglie degli studenti. Lunedì 9 ottobre al mattino, nell’aula magna della scuola, il sindaco di Montebelluna Marzio Favero ha poi portato a tutti il benvenuto in città e il dirigente scolastico del Liceo Levi ha presentato la scuola e l’iniziativa. Un saluto poi è arrivato dalla presidente della Comunità degli italiani di Spalato Antonella Tudor Tomas, la prima a sollecitare questo gemellaggio, il tutto insieme anche all’assessore all’istruzione Claudio Borgia. Gli studenti croati accompagnati dai loro coetanei italiani hanno poi visitato Venezia, Treviso, la Pedemontana del Grappa e in particolare Asolo, dove il 12 ottobre sono stati ricevuti dal sindaco Mauro Migliorini in aula consiliare. Alcune ore di italiano sono state inoltre frequentate in classe dagli studenti croati che hanno così approcciato il sistema formativo italiano, in particolare l’indirizzo del Liceo Classico. Prima di ripartire, sabato 14, hanno poi avuto modo di conoscere le eccellenze del distretto industriale di Montebelluna e hanno persino visitato la Tipoteca di Crocetta del Montello.

Questo è il settimo gemellaggio del Liceo Levi in un triennio, lo spirito è quello della condivisione e della ricerca culturale. Il primo avvenne tra il 2014 e il 2015 con lo Széchényi Ferenc Gimnazium della città ungherese di Barcs, nel 2015-2016 e 2016-2017 con l’Olympian High School di San Diego (California), nel 2016 e 2017 con il Dalton Den Haag dell’Aja in Olanda e nel 2017 con il Groene Lyceum di Naaldwijk, sempre nei Paesi Bassi. Spiega il dirigente scolastico, Ezio Toffano: "Gli studenti italiani restituiranno la visita agli spalatini nell’aprile del 2018. Avranno così l’opportunità di visitare il Palazzo di Diocleziano, l’imperatore che elesse Spalato a sua residenza a partire dal 305 d.C., conosceranno Traù la piccola cittadina dove fu ritrovato dall'umanista Poggio Bracciolini un prezioso codice del De Rerum Natura, salvando così dall’oblio un’opera fondamentale per la cultura europea. Vedranno dall’altra sonda l’Adriatico, il mare che fino alla caduta della Repubblica Serenissima bagnava popoli con un destino comune: prima nell’Impero Romano e poi con la città di Venezia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spalato e Montebelluna infatti hanno ricchi musei archeologici che ricordano la presenza dei Greci, dei Romani, dei Veneziani. Per anni a Spalato si è parlato dalmatico, lingua romanza figlia del latino. Poi si è parlato veneziano, la lingua commerciale del Mediterraneo. Montebelluna, dal canto suo, è entrata nell’orbita romana nel II secolo a.C. inserita nel municipio di Acelum, Asolo. Non solo gli studenti potranno riflettere sulle comuni radici culturali, ma anche confrontarsi sul futuro, da una parte l’Italia, uno dei soci fondatori dell’Unione Europea e dall’altro, uno stato, la Croazia, che nel luglio del 2013 è diventata il 28esimo membro dell’Unione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Nuova ordinanza di Zaia: «Mascherine solo al chiuso o a meno di un metro»

  • Runner scivola e precipita nel vuoto: muore 37enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento