"Assistiamo le vittime del disastro ferroviario", studio legale nella bufera: "Sciacalli"

Sconcerto e preoccupazione" espressi dal presidente della Camera penale veneziana per l'iniziativa pubblicizzata con un post su Facebook, poi rimosso. Indignazione sui social

TREVISO Il presidente e il Consiglio direttivo della Camera penale veneziana esprimono "sconcerto e preoccupazione" per la pubblicazione del post di uno studio legale con sede a Mestre e Treviso, sulla propria pagina Facebook, relativo al tragico incidente ferroviario verificatosi giovedì a Pioltello, vicino a Milano, in cui sono morte tre persone. "Il deragliamento alle porte di Milano ha provocato morti e feriti - si legge nel post, poi rimosso - E i congiunti delle vittime e le persone che hanno subito lesioni hanno diritto di ottenere il giusto risarcimento dai reponsabili". Dopodiché lo studio si dice "in grado di fornire assistenza altamente qualificata alle incolpevoli vittime di questa sciagura", specificando che il pagamento di spese e compensi legali "avverrà solo a risarcimento ottenuto".

Parole che hanno generato un gran numero di commenti da parte di utenti del web, tra cui molti avvocati, che definiscono l'iniziativa un atto di sciacallaggio. "Attendiamo opportuni provvedimenti" Conclude la Camera penale veneziana: "Certi che il Consiglio dell'Ordine e il Consiglio di disciplina adotteranno rispettivamente i più opportuni provvedimenti, ci riserviamo ogni valutazione di nostra competenza, continuando a promuovere momenti di riflessione sull'esercizio della professione anche dal punto di vista deontologico".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I segni evidenti di calo glicemico

  • Il piede diabetico: cure e trattamenti

  • Vince 20mila euro al Lotto e offre il caffè a tutto il bar

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: fiere e mercatini accendono l'autunno

  • Malore dopo lo spinello: la causa della morte non è stato il trauma cranico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento