Traffico illecito di rifiuti: in quattro sotto processo

Degli undici inizialmente indagati dalla Procura di Venezia, sono finiti di fronte ai giudici di Treviso

Associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti. E' l'accusa con cui quattro persone sono finite di fronte ai giudici del Tribunale di Treviso per essere processate: dovranno tornare in aula a giugno dopo che la Regione Veneto si è costituita parte civile con l'avvocato Sebastiano Tonon.

Inizialmente gli indagati dal pubblico ministero di Venezia Rita Ugolini erano undici ma per sette di loro è stato disposto dal gup il non luogo a procedere. Quattro i rinviati a giudizio. Tutti gli altri sono usciti di scena con la fedina penale pulita in quanto del tutto estranei ai fatti contestati.

In sintesi l'inchiesta partita da Venezia e approdata a Treviso per competenza territoriale riguarda l'attività dell'azienda che gestisce un impianto di raccolta, stoccaggio e smaltimento di rifiuti speciali tossico-nocivi ed è autorizzata anche a compiere operazioni di miscelazione finalizzate alla spedizione in altri paesi, come ad esempio la Germania.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo l'accusa per evitare di dover sopportare i costi necessari per il corretto stoccaggio e smaltimento dei rifiuti pericolosi, gli imputati avrebbero a vario titolo finto di miscelarli in modo da farli apparire pronti per l’esportazione in Germania dove sarebbero dovuti essere distrutti in impianti tedeschi. In realtà non sarebbero stati trattati come avrebbero dovuto. Inoltre sarebbe stata falsificata la documentazione scrivendo che si trattava di rifiuti diversi da quelli realmente trasportati dai camion in partenza dall’impianto trevigiano.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento