Picchiato e derubato in piazza a Jesolo: trevigiano finisce in pronto soccorso

L'episodio è avvenuto nei giorni scorsi nella zona di piazza Aurora. Un trentunenne trevigiano è stato picchiato a sangue e derubato del portafogli da cinque persone

TREVISO Stava rientrando in albergo dopo una tranquilla serata trascorsa in uno dei tanti locali del lungomare jesolano quando, all'improvviso, cinque persone lo hanno circondato picchiandolo a sangue e rubandogli il portafoglio con dentro ben duecento euro in contanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Protagonista del pestaggio, riportato dal "Gazzettino di Treviso", è un trevigiano di 31 anni finito all'ospedale di via Levantina con una prognosi di ben otto giorni per le ferite riportate nell'aggressione. Il trentunenne si trovava a Jesolo in compagnia di un amico per trascorrere alcuni giorni di vacanza quando, alcune sere fa, è stato aggredito senza pietà da un gruppo di cinque persone nelle vicinanze di piazza Aurora. Per fortuna, insieme al trevigiano, c'era anche l'amico del trentunenne che appena si è accorto del pestaggio in corso ha subito iniziato ad urlare e a chiedere aiuto ai passanti, facendo dileguare il gruppo di aggressori. Pochi minuti dopo sul posto è intervenuta un'ambulanza del Suem 118 e una volante dei carabinieri che ha avviato le indagini sull'accaduto. Stando alle testimonianze dell'amico, il trevigiano sarebbe stato aggredito da un gruppo di cinque ragazzi di origine straniera che, oltre ad averlo riempito di botte, gli hanno anche rubato il portafoglio con dentro duecento euro in contanti. Gli uomini dell'Arma sono in queste ore alla ricerca dei responsabili, ancora a piede libero. Fondamentali potrebbero essere le immagini delle videocamere di sorveglianza che potrebbero aver ripreso la brutale aggressione ai danni del trevigiano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

  • Legato e cosparso di benzina, folle lite in casa: indagano i carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento