Denaro, oggetti sacri in oro e ostie: furto sacrilego in canonica

Grave episodio nei giorni scorsi presso la parrocchia di San Martino Vescovo, a Musano di Trevignano. L'episodio è avvenuto giovedì sera: i ladri hanno forzato la porta d'ingresso

La chiesa parrocchiale di Musano di Trevignano

Un centinaio di euro, nascosti in una cassetta di sicurezza, vari oggetti sacri in oro e una ventina di ostie non consacrate. Questo il bottino che un ignoto ladro è riuscito a trafugare all'interno della canonica della parrocchia di San Martino Vescovo a Musano di Trevignano, in via Chiesa. Il furto è avvenuto nella serata di giovedì. Il malvivente è penetrato all'interno dell'edificio dopo aver scassinato la porta d'ingresso. Sull'episodio indagano ora i carabinieri di Montebelluna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quella di Musano non è l'unica comunità religiosa della Marca che è finita nel mirino dei ladri in queste giornate tra Natale e Capodanno. La parrocchia della Natività della beata Vergine di Miane ha subito un furto, questa volta a livello telematico, di ben 1170 euro, denaro che è stato prelevato da ignoti, dal conto corrente della parrocchia. Anche su questo fatto sono in corso accertamenti da parte dei carabinieri di Col San Martino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento